Tempo di lettura: 3 minuti

Per i suoi precedenti lavori si erano addirittura scomodati il Maestro dell’Horror, Dario Argento e il padre dei morti viventi, George A. Romero apprezzandone originalità e stile, ma Giovanni Aloisio, scrittore, sceneggiatore e regista barese, piuttosto che cullarsi sugli allori, ha preferito buttarsi a capofitto in un nuovo ambizioso progetto indipendente: IHS – Italian Horror Story, una web-series interamente girata in Puglia, in particolare nel centro storico, nei conventi e nell’Andria sotterranea.

Si tratta di un mio script di alcuni anni fa, particolarmente cupo e carico di tensione – ha affermato il regista che può ormai contare su un ampio pubblico di fedelissimi – ‘IHS – Italian Horror Story’, è un tuffo nelle paure ancestrali, nei rituali sabbatici e nella stregoneria. Un Decameron del terrore, con tante piccole storie incastonate in un unico, grande mistero”. Ambientato in un convento di suore, IHS – Italian Horror Story, si rivela una storia a metà strada fra horror e thriller, con uno sguardo attento al cinema di genere italiano dell’epoca d’oro, in particolare quello di Dario Argento e Mario Bava, ma con l’obiettivo di sperimentare strade nuove, in direzione di quello che il regista barese definisce un "cinema di idee”.

“Il progetto – aggiunge Aloisio – si sviluppa in sei episodi all’interno di un’unica trama, un filo rosso comune che li lega ad un finale assolutamente inaspettato che ribalta attese e prospettive. Mi piace sempre giocare con il mio pubblico ed ho immaginato questo convento come un’enorme gabbia al cui interno c’è lo spettatore, intrappolato e senza possibilità di fuga”. Per girare il primo episodio, una sorta di lungo teaser-pilot di oltre 20 minuti, Aloisio ha voluto superare lo scetticismo delle produzioni, autofinanziandosi il progetto, coinvolgendo solo artisti e maestranze pugliesi. Si tratta tuttavia di un progetto aperto a possibili proposte di partenariato produttivo italiano e straniero. E soprattutto dall’estero si manifesta un certo interesse per questo suo nuovo lavoro. Attualmente è online la sigla iniziale (https://www.youtube.com/watch?v=Wla5X_5JoDE) e presto, il backstage curato dalla fotografa di scena, Raffaella Fasano.

Fra i numerosi interpreti ricordiamo: Luigi Di Schiena, Agata Paradiso, Caterina Orlando, Massimo Centrone, Marianna Vitucci, Celeste Francavilla, Domenico Tacchio, Gianmarco Cannone, Marina Candalice e molti altri. Fotografia e produzione esecutiva affidate a Romualdo Pecorella, scenografie di Armando Mola, make-up a cura dei professionisti della New-Apamf di Andria, musiche di Francesco Tresca e Dino Pulcini, sceneggiatura dello stesso Aloisio con Daniela Flaccomio e Raffaele Caporaso.

Giovanni Aloisio, dopo una lunga carriera di scrittore e saggista ha esordito alla regia cinematografica nel 2014, incoraggiato dallo stesso Argento, con l’originale cortometraggio, La signora delle dodici notti, che ha fatto incetta di premi e riconoscimenti, per poi cimentarsi in un bizzarro melò con influenze gotiche interamente girato a Bari, Phantasma (2015), consolidando la sua credibilità internazionale. Dopo alcuni video-clip musicali ed uno spot a carattere sociale, Uteri in affitto, divenuto virale, ha messo in cantiere il primo episodio di IHS – Italian Horror Story, la cui première mondiale si terrà oggi, 21 maggio, al “Elmsta 3000 Horror Fest” di Stoccolma.

Il primo episodio di IHS – che ha ottenuto il patrocinio da parte dell’Amministrazione Provinciale Barletta-Andria-Trani e dell’Amministrazione Comunale di Andria – verrà integralmente proiettato, in anteprima nazionale, mercoledì 25 maggio alle ore 10,00 alla presenza del regista e dell’intero cast tecnico e artistico, presso la sede dell’Apulia Film Commission, Fiera del Levante, Bari. All’evento saranno anche presenti alcuni noti artisti (non solo) pugliesi, amici di Aloisio, tra i quali il chitarrista/compositore jazz-funk, Maurizio Grondona, presente nella “Top 50 Chart americana”, il produttore statunitense Michael Doherty, il rapper Ronny Neek a cui il regista ha riservato un curioso ‘cameo’ in IHS e le Matricole ignoranti, tre simpatici youtubers pugliesi, molto popolari fra i giovanissimi.

La première sarà condotta dalla giornalista Annamaria Natalicchio.

 

Ingresso libero, posti limitati.