Tempo di lettura: 2 minuti

"m"L’assessore della Regione Puglia alla Qualità dell’Ambiente, Domenico Santorsola, lunedì prossimo, 9 maggio, presenterà a bordo della nave scuola della Marina Militare Amerigo Vespucci la campagna di rilevanza scientifica nazionale ‘Dual use Vespucci 2016’, esempio di cooperazione tra ricercatori, studenti e marinai con l’obiettivo comune di tutelare il mare.

A bordo del veliero saranno svolte, tra le altre, attività scientifiche di rilevanza nazionale a cura dei ricercatori degli istituti Irsa (Istituto di Ricerca sulle Acque), Ismar (Istituto di Scienze Marine) ed Isac (Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima) del Dipartimento Scienze del Sistema Terra e Tecnologie per l’ambiente del Cnr, che lavoreranno in stretta sinergia con ricercatori delle Università di Bari, Genova, Siena, Lecce e Trieste, per una campagna unica nel suo genere nel mar Mediterraneo.

I ricercatori e gli studenti a bordo si dedicheranno a temi quali l’osservazione e la raccolta dati relativi alla distribuzione spaziale delle macroplastiche, dei cetacei e delle meduse durante l’intera navigazione del Vespucci, lavorando ininterrottamente dalle prime luci dell’alba fino al tramonto. A prua del veliero un osservatore e un trascrittore identificheranno e classificheranno nell’apposita ‘Scheda avvistamento macroplastiche’ tutti i frammenti plastici di dimensioni superiori a 2 centimetri, insieme ai dati relativi alle condizioni meteo marine e alle coordinate Gps di ciascun rifiuto. "ve2"

Questa attività concorrerà a fornire risposte riferite ad obiettivi della ‘Marine strategy for the good environmental status of the sea‘ per la definizione di rifiuti in mare (Marine litter) derivanti dalle acque interne e riferiti ad oggetti deliberatamente scartati, involontariamente persi o trasportati da fiumi e venti in mare o sulle spiagge, essenzialmente identificabili nelle macro-categorie di plastica, metalli, vetro, ceramica, legno, carta, grossi detriti o rocce, attrezzi da pesca, indumenti. Inoltre, con le strumentazioni avanzate montate a bordo del Vespucci e messe a disposizione dal Cnr Isac, sarà possibile eseguire misure di composizione chimica del particolato atmosferico in continuo, misure di Black carbon (tracciante di processi di combustione), e misure in continuo del numero di particelle con il contatore ottico.