Tempo di lettura: 2 minuti

"r"Attesa dalla Polonia, Finlandia, Olanda, Danimarca, Svezia, Lituania, India, Canada, U.S.A., Brasile e dal Giappone la stampa e gli importatori stranieri accreditati a Radici del Sud 2016 che attraverso le numerose attività in programma nel corso della manifestazione avrà modo di scandagliare l’intima natura dei vini in concorso e conoscerne le origini e l’evoluzione. I qualificati ed esperti giornalisti provenienti da ogni parte del mondo, saranno impegnati nelle giornate dell’8, 9 e 10 giugno nei press tour previsti nei vari territori pugliesi per consentirgli di apprezzare direttamente nelle cantine, nelle zone di produzione, la complessità e il coraggio con cui i vini da vitigno autoctono del Sud Italia si esprimono di prepotenza dimostrando tratti originali e caratteristici di elevato pregio.

Negli stessi giorni avranno luogo a Bari gli incontri face to face tra i wine buyer e i produttori che si sono registrati a tali confronti per presentare e promuovere le proprie etichette. Nei due giorni successivi (11-12 giugno) le attività principali saranno quelle inerenti al concorso dei circa 400 vini in lizza e si svolgeranno le 4 sessioni di assaggio alla cieca da parte di 4 apposite giurie strutturate per fornire verdetti di immediata lettura: faranno parte della stessa giuria i buyer esteri che si esprimeranno presumibilmente"r2" considerando con occhio particolarmente attento la capacità di sedurre i mercati che i vini posseggono mentre i giornalisti comporranno un unico gruppo e forniranno un giudizio più incondizionato. L’ultima giornata del 13 giugno sarà interamente dedicata al Salone del Vino, ad uso e consumo degli appassionati addetti e non addetti ai lavori che dalle 10 alle 20 potranno visitare gli stand espositivi delle cantine che hanno aderito per degustare la loro intera gamma di produzione. Al Salone, a disposizione dei visitatori, anche i banchi d’assaggio dei migliori prodotti tipici del meridione d’Italia.

Per concludere l’undicesimo Salone del Vino da Vitigno Autoctono del Sud parteciperanno alla celebrazione dei vini i più grandi chef dei nostri territori del mezzogiorno ad allestire una grande festa enogastronomica aperta al pubblico.