Tempo di lettura: 1 minuto

"m"Domenica 13 marzo 2016 il gruppo di ricerca Dynamis, in occasione dell’evento “Stand  Up for Pick Up” presso il Tevere Art Gallery (TAG) a Roma, presenta la performance partecipativa .

Il progetto si interroga pragmaticamente sull’unità di misura M² e racconta, attraverso un gioco interattivo con gli spettatori, le possibili sfumature che può assumere nel quotidiano al limite tra l’umano e il disumano. Dynamis ha predisposto tre spazi delimitati di 1:20 – 1:5 – 1:10. Nei relativi quadrati i giocatori seguendo le regole del gioco, dovranno muoversi all’interno di ogni spazio in 5, 16, e 9 persone. Gli spettatori sono inoltre invitati a tracciare su un planisfero il tragitto più lungo da loro percorso nel mondo, il loro nome, il motivo del viaggio al fine di costruire una mappa collettiva delle migrazioni.

Il pubblico è l’essenza stessa dell’istallazione, la matrice dell’azione che si orchestra, attraverso semplici istruzioni veicolate da un’hostess e da uno stuart, in un gioco collaborativo tra sconosciuti.