Tempo di lettura: 5 minuti

"n1"Lo sviluppo del turismo sostenibile è sempre una sfida e diventa ancora più complessa quando un disastro naturale devasta comunità e interrompe il flusso dei viaggiatori. Wouter Schalken, esperto di sviluppo del turismo presso il Samarth Nepal Market Development Programme, discute della situazione del turismo in Nepal tra passato, presente e speranze future.

Come hai iniziato ad occuparti dell’industria del turismo?

Sono cresciuto in una fattoria dedita alla caccia nel settore turistico privato e ho capito subito che non mi piacciono molto i turisti, piuttosto mi piace il "fenomeno" del turismo. Lo trovo interessante. Tuttavia, ho ancora dubbi sul fatto che chiunque può davvero pianificare il turismo o se si tratta di un fenomeno fuori controllo che stiamo cercando di cavalcare.

Quali sono stati i tuoi primi interventi in termini di sviluppo?

Ho un forte background in Africa. Sono stato coinvolto nelle prime fasi per garantire che le comunità fossero i beneficiari significativi degli sforzi del turismo. Ci stiamo allontanando da offerte "alcol e coperte" diventando parte integrante della conservazione delle risorse – sia naturali e culturali – per guadagnare da esse.

Che cosa intendi per offerte "alcol e coperta"?

Questo è stato il modo in cui sono state gestite alcune offerte per ottenere un punto d’appoggio in un bel posto. I primi sviluppatori sono andati nelle zone rurali pagando l’ente locale con i requisiti minimi.

Ci siamo completamente allontanati da questo modo di fare?"n2"

Anche adesso, con collaborazioni formalizzate e diritti di concessione che sono di proprietà e gestiti dalle comunità, non è necessariamente un vantaggio comune. Ci sono sfide in giro per l’erogazione di fondi e la trasparenza dei benefici. Sono stati compiuti progressi incredibili, ma non abbiamo ancora pienamente raggiunto il nostro obiettivo.

In Nepal si sta assistendo a queste sfide?

Il Nepal ha visto un coinvolgimento molto passivo nel settore del turismo. Se non sei un facchino, se non fornisci un alloggio in famiglia, non stai beneficiando del turismo. Vorremmo assicurare un maggiore controllo sulla situazione.

Di cosa ha bisogno il mondo per conoscere lo sviluppo del turismo sostenibile?

Ascoltate i consigli di Taleb Rifai,  il segretario generale dell’UNWTO.

Quali sono alcune delle soluzioni generali?

Lo spostamento sta cercando di passare il controllo dagli operatori di base a Kathmandu verso le aree di destinazione effettiva: varie aree del Great Himalaya Trails, i parchi nazionali, le aree protette. Questo è uno dei requisiti fondamentali per una corretta crescita del turismo in Nepal.

Che cosa sta guidando questo movimento in Nepal ?

La sostenibilità è in pericolo. Il Nepal è uno dei pochi paesi che hanno visto un forte calo della spesa media giornaliera per visitatore. In Nepal , è possibile ottenere alloggi , pasti , un facchino , una guida attraverso la contrattazione giornaliera che è radicata per via di mancanza di controllo da parte di questi imprenditori.

Così gli operatori locali sono inferiori rispetto agli altri?

Stiamo fondamentalmente conformandoci all’immagine che il Nepal è una destinazione a buon mercato e da zaino in spalla. Vediamo questo cambiamento in un modello di basso valore che continua a ridursi in valore. Si basa su esperienza, ma non ci sono investimenti realizzati in imprese o sviluppo delle competenze.

Questo ha effetto sui viaggiatori che vengono in Nepal?

Le persone che hanno soldi da risparmiare trovano la loro esperienza himalayana in Bhutan, per esempio. Ma in base alle risorse disponibili – in termini di biodiversità – il Nepal ha il record dei percorsi naturali. Dove altro si può andare a vedere rinoceronti e tigri e si ha un picco di 8.000 metri come sfondo? Questo aspetto dovrebbe essere molto più prezioso rispetto a quello attualmente viene valorizzato del Nepal.

Cosa sta perdendo il Nepal rispetto al Buthan?

La qualità dell’offerta dei prodotti. Ad esempio, non abbiamo alcun marchio di lusso che operi in Nepal .

"n3"Stai cercando di diversificare le tipologie di industria turistica tra le località nepalesi?

Stiamo sottolineando il miglioramento della qualità. Con il marchio di Great Himalaya Trails vogliamo fare in modo che ci siano alcune norme per la certificazione e poi si può praticare tariffe più elevate ma con rigore. Siamo disposti ad andare molto lontano in questo: fornire formazione e offrire prestiti per migliorare le nostre risorse fisiche. Se vogliamo elevare la qualità del turismo e uscire da quella spirale negativa di alternative più economiche e di riduzione della spesa, dobbiamo cominciare da qualche parte.

Il tuo lavoro deve essere cambiato drasticamente dopo il terremoto nel 2014…

Ha avuto un impatto sulle priorità. Vogliamo che la gente decida di venire in Nepal perché le attrazioni meritano una visita, non per simpatia dopo il terremoto. La gente ha bisogno di mettere da parte le immagini degli edifici crollati per concentrarsi di nuovo sulle risorse che questo paese ha.

Che tipo di messaggi stai lanciando per riportare i viaggiatori in Nepal?

Se diamo come contenuto al messaggio che si può venire in Nepal perché è sicuro, il messaggio sarà sempre un po’ debole. Dare contenuto al messaggio significa: venite in Nepal ora perché abbiamo un sistema di monitoraggio di sicurezza che permette di avere un migliore controllo; abbiamo rifugi costruiti secondo i metodi antisismici; strutture sicure ed adeguate facilmente raggiungibili a piedi. Ci sono sempre rischi di venire in Nepal ma ci sono anche sistemi in grado di attenuarli.

Ci sono strategie a lungo termine per gli sforzi del turismo?

Le persone che vogliono scalare l’Everest verranno comunque. Ma dobbiamo uscire da quei classici 20 giorni, dal circuito di escursioni in cui si alloggia in un posto diverso ogni sera. I mercati in crescita, in particolare i cinesi, non sono interessati e non hanno abbastanza tempo per questo. Abbiamo bisogno di più sistemi hub-and-spoke per mantenere le persone in un unico luogo per periodi più lunghi. Siamo tra l’India e la Cina e abbiamo questa straordinaria opportunità di catturare questi mercati, ma non di offrire i prodotti giusti per essi. E’ molto difficile convincere i nepalesi che abbiamo bisogno di fare qualcosa di diverso.

Ci sono opportunità per le persone che sono interessate al trekking ma non necessariamente 20 giorni alla volta?"n4"

Stiamo facendo quello che noi definiamo "mappatura del rischio" su tutte le aree di destinazione. Si può scegliere una zona di trekking che ha strada di accesso entro 30 minuti al massimo, in cui il telefono cellulare ha una copertura e con sistemazioni fisse. Se siete disposti ad assumervi qualche rischio in più, si potrebbe andare più lontano ma si potrebbe essere a 40 minuti dalla strada di accesso, avere una copertura all’80 per cento sul tuo cellulare e andare in campeggio per due notti. Questo è il tipo di sviluppo che il Nepal deve affrontare e stiamo lavorando per migliorare in questa direzione.

Che dire di persone che non sono necessariamente interessate a escursioni a piedi?

All’interno del Great Himalaya Trails si può fare yoga , bere il tè, andare in mountain bike , andare a correre in pista e fare fotografia. Ognuno è alla ricerca di un’esperienza diversa e il Nepal ha la posizione ideale e l’impostazione per accogliere tutte le tipologie di turismo.