Tempo di lettura: 2 minuti

"lu""Abbiamo scelto l’Argentina e Buenos Aires per svolgere la riunione annuale della Commissione regionale Lucani nel mondo (Crlm) perchè anche qui c’è un’Italia che ha fatto l’Italia. Lo testimonia anche la recente visita del presidente Renzi e quella dei prossimi giorni del ministro Franceschini". Così il presidente del Consiglio regionale della Basilicata, Piero Lacorazza, rivolgendosi a un centinaio di emigrati lucani nel primo incontro della missione istituzionale in Argentina.

Il presidente del Consiglio regionale, Piero Lacorazza e il vicepresidente della Commissione regionale Lucani nel mondo, Vito Giuzio hanno incontrato i rappresentanti delle circa 40 associazioni dei lucani presenti sul territorio argentino. Lacorazza, secondo quanto reso noto dall’ufficio stampa dell’assemblea, ha poi evidenziato "il forte contributo offerto alla crescita economica e culturale da parte di tutti gli emigrati nel corso degli anni".

Il coordinatore del Comitato tecnico-scientifico del "Centro Lucani nel Mondo Nino"lu2" Calice", Luigi Scaglione, ha quindi illustrato la struttura: il Centro, ha aggiunto, "ha per nucleo principale il Museo dell’emigrazione lucana, una esposizione permanente sulla storia del vasto fenomeno di emigrazione lucana all’estero tra ‘800 e ‘900 e i suoi effetti all’interno del territorio regionale. Il Museo, che ha sede nel Castello di Lagopesole, propone un racconto emozionale. Lo scopo non è teso a rievocare sentimenti nostalgici, ma a mantenere vivo il ricordo dei nostri emigrati consegnandolo soprattutto ai giovani".