Tempo di lettura: 2 minuti

"pt"Venerdì 22 gennaio, alle ore 16.00, il rinascimentale Palazzo Tupputi a Bisceglie, dopo un attento restauro finanziato dal bando Musei della Regione Puglia, sarà restituito nella sua interezza alla città, in occasione dell’inaugurazione dell’ultima tappa di Casa Futura Pietra, decima edizione di Intramoenia Extra Art, progetto promosso dalla Regione Puglia e sostenuto dal Comune di Bisceglie, con la collaborazione della Soprintendenza Archeologia della Puglia.

Ad accompagnare il pubblico saranno Francesco Spina, sindaco della città di Bisceglie, Luigi La Rocca, soprintendete archeologo della Puglia, Loredana Capone, assessore all’Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia, i curatori e gli artisti.

Il progetto Casa Futura Pietra, prodotto da Eclettica_Cultura dell’Arte, e ideato dall’architetto Tommaso Martimucci, in collaborazione con Giusy Caroppo, curatrice di Intramoenia Extra Art,  intende indagare le sollecitazioni di un materiale – la pietra – generato in mare, figlio di quella stessa acqua che facilmente  gli scivola addosso: gran   parte del territorio pugliese è, infatti, costituito da un banco di pietra emersa, una pietra calcarea sedimentatasi nei fondali marini nel corso di migliaia di secoli.

Obiettivo del progetto in corso, assaggio di un prossimo sviluppo nell’edizione 2016/17, è quello di illustrare come il materiale pietra sia la chiave di lettura dei territori, dal mare  all’entroterra; un materiale che ha influenzato per secoli le comunità e che ancora può essere al centro della costruzione della città futura."pt2"

Il metodo è quello di evidenziare alcuni luoghi nonché caratteristiche tipiche e percepite del territorio pugliese e non solo, dalla morfologia del sottosuolo fino ai centri urbani, e intepretarli da un punto di vista sonoro, cromatico, scultoreo, architettonico, antropologico, urbanistico, sociale; esplorare i luoghi tipici della pietra, vivendoli e facendovi echeggiare note riflesse dalla pietra stessa, esaltandone le caratteristiche morfologiche e simboliche.

La mostra a Palazzo Tupputi è il  viaggio conclusivo di questo primo percorso, raccontato con opere storiche e progetti di produzione, realizzati in luoghi di suggestione, spazi urbani del presente e in aree di interesse archeologico risalenti alla preistoria, quali il Dolmen di Bisceglie e la Valle dei Dinosauri di Altamura, per la prima volta in dialogo con interventi contemporanei.