Tempo di lettura: 2 minuti

"zilli_barletta7"Un’attesa ben ripagata, iniziamo con l’evidenziare questo dato.

Inizialmente prevista per il 10 luglio scorso presso le Piscine Comunali di Bitonto (BA), in occasione del Bitonto Demodè Festival, per ragioni tecniche l’esibizione di Nina Zilli è stata spostata al 31 agosto presso il Fossato del Castello di Barletta. E la location scelta dalla ZENGA Entertainment si presta benissimo per l’evento in programma, non per altro da molti anni sede di numerosi concerti estivi.

Il fato ha voluto che incontrassi la Zilli mentre arrivava con la sua voiture nera, uno sguardo occhi negli occhi di pochi secondi, quelli necessari per vedere dal vivo la sua bellezza e accrescere l’adrenalina, la voglia di assistere, per la prima volta, ad una sua esibizione live, di cui tanto si parla bene."zilli_barletta9"

Un folto pubblico attende pazientemente il suo ingresso, partono applausi per chiamarla sul palco e lei, nel massimo del suo splendore, inizia la sua performance alle 22,30. Un pezzo dietro l’altro, brani che scivolano via senza neanche accorgersi del tempo che passa. Canta, balla, ammicca, sorride, strizza l’occhio e fa linguacce; tutto, ma proprio tutto, con una disinvoltura disarmante ed una carica di energia senza fine.

E come fosse l’amica dei giochi d’infanzia, improvvisamente scende dal palco per riversarsi tra il pubblico lì seduto a godere del suo show, corre tra le fila "zilli_barletta1"delle persone incredule, corre e canta, canta e corre, la security intorno fatica a contenerla. Lei, felice come una bambina, non disdegna sorrisi a nessuno e cantando cantando risale sul palco: tre minuti di entusiasmante delirio.

Il concerto continua in un crescendo di empatia: Se bruciasse la città, 50mila, L’amore verrà, L’uomo che amava le donne, giusto per citare alcuni brani. L’artista e il suo pubblico diventano una voce sola tra cori e battimani. La presenza scenica e il talento vanno a braccetto con Nina Zilli, dall’inizio alla fine: chapeau!

 

 

Foto di: Fabio Palmisano.