Tempo di lettura: 2 minuti

"ba1"La Basilicata organizzerà nel 2016 una manifestazione, della durata di un mese, per promuovere gli itinerari della transumanza, della filiera delle produzioni e commercializzazioni degli allevamenti zootecnici con l’obiettivo di promuovere le economie rurali. E’ l’idea condivisa, a Matera, dall’assessore regionale all’Agricoltura, Luca Braia, e dagli organizzatori della seconda festa lucana della transumanza “La podolica lucana in sagra”, in programma a Ferrandina (Matera) oggi.

“E’ importante – ha detto Braia, condividendo progetto e sollecitazione del Comune e della Pro Loco di Ferrandina – fare sistema per un momento comune di promozione che valorizzi,  accanto alla razza podolica e agli itinerari della transumanza, prodotti e specificità del mondo ruralè". Un incontro tra i diversi soggetti di filiera sarà convocato nei prossimi giorni.

I particolari del programma della 2^ festa lucana della transumanza sono stati illustrati nel corso di una conferenza, coordinata dal giornalista Donato Mastrangelo, e a cui ha partecipato anche il sindaco di Ferrandina Saverio D’Amelio: è stata evidenziata l’importanza della riscoperta di tradizioni che possono promuovere l’economia locale e"ba2" delle aree interne. Tra le attrazioni della giornata, la degustazione di carne podolica alla brace, la possibilità per i turisti di far suonare oltre 100 campane realizzate dal maestro artigiano Mario Valenzano, le attività didattiche del Centro di educazione ambientale del Parco delle Dolomiti Lucane, spettacoli di canti e balli popolari eseguiti dal gruppo folk Uggiano ferrandinese. Per l’occasione sarà possibile visitare il neonato museo della civiltà contadina.