Tempo di lettura: 2 minuti

"alb1"Arriva finalmente in Puglia "L’Albero di Trasmissione" il film d’esordio di Fabrizio Bellomo, poliedrico artista, curatore e film-maker barese. Il film, presentato a Dicembre in anteprima mondiale al 55° Festival dei Popoli di Firenze, e che ha riscosso successo di critica e di pubblico nei suoi precedenti passaggi, racconta tre generazioni intrecciate l’una all’altra, la cui genialità tecnico-meccanica, decisamente fuori dal comune, diventa l’albero genealogico di famiglia: il nonno Rocco e la sua geniale macchina d’avanguardia, costruita trent’anni addietro, pezzo per pezzo, ecologica; il figlio Simone, e il suo cantiere pieno zeppo di oggetti di riciclo che lui trasforma in una sorta di museo d’arte, grezzo ma attraente; e il nipotino Nicola, un maestro dello smartphone con cui gioca, fotografa, videoriprende e ascolta le competenze di famiglia per imparare.

Un ritratto familiare insolito e avvincente, descritto da una visione prettamente maschile. "alb2"L’opera prima di Bellomo è stata proiettata il 22 luglio, in Salento, nello spettacolare borgo di Specchia (LE) in occasione dell’undicesima Festa del Cinema del Reale. La kermesse, giunta oramai alla sua undicesima edizione, è oggi un’importante e consolidata realtà del circuito del cinema documentario e sperimentale italiano ed europeo, il posto adatto per il primo passaggio pugliese del film "L’Albero di Trasmissione", che di certo non ha deluso le aspettative.