Tempo di lettura: 2 minuti

"cucc3"Oggi alle ore 17.30 presso il porticciolo del Canneto si ripete la tradizionale Cuccagna Gallipolina.

E’ lei la vera protagonista di questa grande festa; e c’e’ un appuntamento irrinunciabile nel mezzo della festa, potremmo dire la festa nella festa, perchè è un gioco che richiede tante doti, marinaresche e non, equilibrio, agilità, lucidità, furbizia e fortuna. Parliamo della cuccagna a mare, una tradizione che si rifà  al più  lontano passato, ma che sotto diversa denominazione risale forse addirittura al tempo di Mitridate, al tempo dei pirati della Cilicia, con il palo o la trave collocata in uno specchio d’acqua e sotto i pescecani o i coccodrilli, che fortunatamente ora non ci sono, ma comunque ci narrano di salite faticose e precipitose scivolate, cadute in mare, da parte degli eroici contendenti, che si cimenteranno per la conquista del trofeo ambito, che consiste in un semplice trofeo.

Molto sentita dai pescatori e amatissima dai turisti: la “cuccagna a mare” nel porto della Città Bella. Nell’edizione 2014, quindici sfidanti si sono dati battaglia su un palo lungo 8 metri, unto di grasso fino a renderlo scivoloso. Ogni anno il porto si popola di barche e pescherecci: tutti i gallipolini arrivano sulla banchina del porto o scendono in acqua per godersi lo spettacolo. L’obiettivo è raggiungere la bandierina tricolore fissata sull’estremità del palo: il primo che ci riesce è il “re” della cuccagna a mare gallipolina, la tradizionale manifestazione che caratterizza il 24 luglio, seconda giornata dei festeggiamenti civili in onore di Santa Cristina, Protettrice della Perla dello Ionio."cucc1"

La tradizionale cuccagna quest’anno è organizzata dal signor Benito Carrozza con il supporto del signor Giuseppe Siciliano “Pino Gallipoli” e presentatore dell’evento il  professor Gino Cuppone. La novità è un ritorno al passato, perché la cuccagna sarà posizionata nel porticciolo del Canneto.

L’organizzazione ringrazia per il prezioso supporto il sindaco, l’amministrazione Comunale di Gallipoli, il corpo di polizia municipale e la Capitaneria di Porto.

Un ringraziamento particolare alla protezione Civile CIR Gallipoli per il supporto logistico via terra e via mare.