Tempo di lettura: 2 minuti

"t1"Trovare similitudini fra due città come Trani ed Apricena, equivale ad individuare somiglianze tra due bellissime sorelle, figlie di una stessa progenie (la Puglia in questo caso) ma diversissime tra loro.

E’ questo il senso della serata di cui parliamo: un parallelo/gemellaggio fra Trani, famosa per la sua Cattedrale romanica affacciata sul mare ed Apricena famosa per la sua presenza all’interno del Parco Nazionale del Gargano. Una bella iniziativa promossa e sponsorizzata da due ambasciatrici d’eccezione: la tranese Francesca de Leonardis, organizzatrice di eventi enogastronimici, e l’apricenese Valentina Passalacqua, proprietaria di una nota azienda di vini biologici (cantina che, peraltro, ha ultimamente ricevuto un importante riconoscimento a San Francisco).

L’idea ha esaltato lo spirito di iniziativa dei giovani imprenditori titolari de "Il vecchio e il mare", consapevoli della pagina di economia e di cultura che pietra e vino hanno scritto nella storia delle due città: sicché, lo chef Francesco Di Terlizzi ed il barman Marco Lorusso daranno vita ad una presentazione di cocktail e pietanze, a base di prodotti del territorio, da abbinare ad una singola tipologia di pietra ed ad un singolo vino.

Di qui il titolo della serata: "Trani-Apricena… non solo pietra", che avrà luogo il 23 "t3"Luglio in una serata all’insegna di PIETRA-CIBO-VINO, a partire dalle ore 20.30, presso il locale estivo tranese "Il Vecchio e il Mare".

Perché "Non solo pietra"? Perché è nella pietra che si ravvisa il primo importante punto in comune tra le due città. Nel territorio di Trani, infatti, sono presenti giacimenti di pietra calcarea esportata in tutto il Mondo (la cosiddetta "pietra di Trani"), Apricena, invece, è il secondo bacino marmifero d’Italia (settore in cui, tra le altre cose, è da sempre impegnata imprenditorialmente la famiglia Passalacqua).

Nel corso della serata saranno abbinati, fra loro, vini, installazioni di pietra e cibo. Giusto a rimarcare il concetto che, spesso, le distanze risiedono solo nella mente di chi le considera.