Tempo di lettura: 2 minuti

"download"Sono 60 le tavole esposte del famoso fumettista Milo Manara. Inaugurata ieri, e agibile sino al 4 luglio (con un costo di 4.00 euro), la mostra “Le Stanze del Desiderio”, personale del maestro Milo Manara, giunge nella cornice della Sala Murat di Bari, grazie al festival BGeek. La mostra è a cura di Napoli COMICON, e del geek festival barese, e con il patrocinio dell’Assessorato alle Culture del Comune di Bari.

Un breve excursus che ripercorre un viaggio nei lavori di Manara. In mostra, infatti, tavole con le primissime storie, di carattere storico e biografico, altre con le prime incursioni nel fumetto popolare e d’autore, fino alle creazioni che gli hanno fatto raggiungere la fama di più importante autore di fumetti italiano al mondo. Si trovano a Bari, le storie di Miele e di Claudia, le tante collaborazioni con grandi firme del mondo artistico italiano e straniero, da Fellini ad Alejandro Jodorowsky, organizzate in un percorso cronologico, ma anche in sezioni tematiche dell’opera dell’autore. Dalle tavole a china del 1986 si giunge ad acquarelli datati 2014, dai I Borgia a L’Asino d’oro, si passa, poi, ad un percorso di meravigliose figure femminili, tra illustrazioni, tele, tavole originali, sino ad arrivare alla nuova serie dello Zodiaco.

Un percorso nel lavoro del fumettista italiano, dove sarà possibile constatare il cambio di tratto manariano, passato dalle tratteggiate atmosfere delle prime tavole ai lavori più erotici degli anni 90 caratterizzati da colori più forti e accesi. Milo Manara, che quest’anno compie 70 anni, si dimostra ancora una volta un maestro in grado di addentrarsi nel mondo del fumetto, delle illustrazioni e della pubblicità.