Tempo di lettura: 4 minuti

"st1"Mercoledì 10 giugno alle 20.30 al Teatro Petruzzelli è in cartellone un nuovo appuntamento della Stagione Sinfonica 2015. Sul podio dell’Orchestra del Teatro il maestro Stanislav Kochanovsky, solista Michele Campanella (pianoforte).

Il programma del concerto propone il Concerto n.2 in La maggiore per pianoforte e orchestra S. 125 e Totentanz in re minore per pianoforte e orchestra di Franz Liszt, la Sinfonia n.2 in si minore di Aleksandr Porfir’evič Borodin.

Dal 2010 Stanislav Kochanovsky è Direttore Principale dell’Orchestra Filarmonica di Kislovodsk con cui ha già diretto oltre 50 programmi sinfonici e 6 produzioni liriche fra cui Il Prometheus (Poem of fire) e la Sinfonia n.3 (Le Divin Poème) di Scriabin, l’integrale delle Sinfonie e l’Aleko di Rachmaninov, Das Lied von der Erde di Mahler. Come direttore ospite ha bruciato le tappe debuttando in tutte le più importanti orchestre e teatri del suo Paese e negli ultimi anni ha diretto le orchestre dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, la hr-Sinfonieorchester di Francoforte, la Finnish Radio Symphony, gli Hamburger Symphoniker.

Pianista, direttore, solista e docente di spicco Michele Campanella ha curato la direzione artistica di importanti rassegne ed è autore del volume “Il mio Liszt” (Bompiani, 2011). Conosciuto in tutto il mondo come uno dei maggiori virtuosi e interpreti di Franz Liszt, spazia da Scarlatti a Poulenc, da Clementi a Ravel, passando per Beethoven, Mozart, e Brahms.

 

Biglietti in vendita al botteghino del Teatro Petruzzelli e on line su www.bookingshow.it

Informazioni: 080.975.28.10.

 

 

Stanislav Kochanovsky, direttore

Originario di San Pietroburgo, compie gli studi nella sua città natale, dove ben presto si fa "st3"notare per il suo talento, diplomandosi giovanissimo in organo, composizione e direzione di coro e orchestra.

Segnalato da direttori quali Mikhail Jurowsky, Yuri Simonov e Eric Klas, il suo debutto sul podio riceve il plauso della stampa specializzata che lo definisce una delle promesse più interessanti della nuova scena musicale russa.

Nel 2010 è nominato Direttore Principale dell’Orchestra Filarmonica di Kislovodsk (città della Russia europea, patria dello scrittore Aleksandr Solženicyn). Con questa orchestra ha già diretto oltre 50 programmi sinfonici e 6 produzioni liriche fra cui Il Prometheus (Poem of fire) e la Sinfonia n.3 (Le Divin Poème) di Scriabin, l’integrale delle Sinfonie e l’Aleko di Rachmaninov, Das Lied von der Erde di Mahler.

Nel 2012 inizia una stretta collaborazione con la State Academic Symphony Orchestra “Evgeny Svetlanov” con cui partecipa al Festival “Crescendo” di Denis Matsuev. Nel 2014 debutta con l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, ottenendo il plauso della critica e dirige lo stesso organico in un programma russo per la “Festa della Musica”.

Fra i solisti con cui collabora: Denis Matsuev, Viktoria Mullova, Anna Netrebko, Olga Borodina, Evgenij Nikitin.

Collabora con il Teatro Mikhailovsky di San Pietroburgo dove, fino ad oggi, ha diretto oltre trenta titoli tra melodramma e balletto.

Nel 2014 debutta con Boris Godunov al Teatro Mariinsky, dove torna nel 2015 con Tosca e la Sinfonia n.9 di Beethoven.

Come direttore ospite ha bruciato le tappe debuttando in tutte le più importanti orchestre e teatri del suo Paese.

Negli ultimi anni le orchestre dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, la hr-Sinfonieorchester di Francoforte, la Finnish Radio Symphony, gli Hamburger Symphoniker.

Tra i prossimi impegni: il debutto con la NHKSO di Tokyo, con l’Orchestra Sinfonica di Milano “Giuseppe Verdi” ed al Teatro La Fenice, l’inaugurazione della stagione della Filarmonica Toscanini, il ritorno con la Mariinsky Orchestra, la St. Petersburg Philharmonic, la “Evgeny Svetlanov”, il Boris Godunov e Tosca al Mariinsky, Cavalleria rusticana e Pagliacci al Nationaltheater di Mannheim.

 

Michele Campanella, pianoforte

"st2"Pianista, direttore e solista, docente di spicco, direttore artistico di importanti rassegne e scrittore ( “Il mio Liszt”,  Bompiani, 2011). Conosciuto in tutto il mondo come uno dei maggiori virtuosi e interpreti di Franz Liszt, spazia da Scarlatti a Poulenc, da Clementi a Ravel, passando per Beethoven, Mozart, e Brahms.

Artista dal temperamento versatile è amante della musica in ogni sua sfaccettatura.

Vincitore di numerosi premi fra cui Gran Prix du Disque della Società “F. Liszt” di Budapest (1976, 1977 1998), Premio Scanno per la Musica 2012.

Nel 2013, anno del bicentenario della nascita di Wagner e Verdi, è stato impegnato in una serie di concerti dedicati alle Parafrasi di Liszt, in Italia, Ungheria, Spagna, Russia, Germania e Cina, a conferma del suo importante ruolo di Ambasciatore della Musica nel Mondo. La Brilliant Classics ha dedicato a queste composizioni un cofanetto di 3 cd – Special Edition.

Il 2014 lo ha visto protagonista in Italia, come solista e direttore, nell’esecuzione dell’ultimo Concerto di Mozart K 595 e del Concerto n.2 di Brahms, nel recital “Chopin vs Liszt: La Battaglia”, una pacifica battaglia tra due dei massimi compositori per la letteratura pianistica, Fryderych Chopin e Franz Liszt. È stato inoltre impegnato in tour negli Stati Uniti con il Fine Arts Quartet, in Sud America con il violinista Boris Belkin e nella realizzazione di un cd, edito da Cam Jazz, per un progetto sull’improvvisazione jazz con il sassofonista Javier Girotto.

Nel 2015, la sua poliedrica attività lo porterà in tour con Javier Girotto e il loro progetto Musique sans Frontières su musiche di Ravel e Debussy. Sarà inoltre impegnato in una serie di concerti in Medio Oriente, oltre ad esibirsi nelle più importanti istituzioni in Italia ed Europa.

Nel 2014 è stato insignito dell’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine “Al Merito della Repubblica Italiana”.

Michele Campanella è Artista Yamaha.