Tempo di lettura: 1 minuto

Giovani artisti delle capitali europee della cultura protagonisti di residenze artistiche ospitate nei comuni, promozione dei gruppi locali e un brand "Open gezz region" per valorizzare nel 2015 l’offerta del "Gezziamoci" in Italia e all’estero. Sono alcune delle iniziative che l’associazione culturale "Onyx jazz club" ha proposto oggi alla Rete dei comuni e ai partner istituzionali, come la Regione Basilicata, l’Apt e gli Enti Parco che hanno sostenuto l’edizione "regionale" dello scorso anno. La proposta, che ha ricevuto osservazioni e proposte, rappresenta – hanno detto i promotori di Gezziamoci 2015 – un ulteriore contributo ad attivare nuove forme di collaborazione e a valorizzare esperienze musicali, culturali e l’offerta turistica della Basilicata, che ha nella "musica" e in quella jazzistica in particolare un itinerario interessante che raccoglie consensi e adesioni. Il "Gezziamoci 2015" – lo scorso anno ha visto esibirsi 99 artisti in 36 eventi e sette tra laboratori e performance – oltre al coinvolgimento delle capitali europee della cultura fino al 2019 e oltre, intende attivare anche opportunità di "narrazione" transmediali, valorizzare la multidisciplinarietà dell’offerta musicale e culturale, favorire in loco con l’apporto di comuni, associazioni, famiglie, scuola forme di ospitalità organizzata e promuovere il partenariato di eccellenza già avviati nel settore jazzistico come Vanni editore, Fondazione Telonius Monk.