Tempo di lettura: 2 minuti

La magia della favola, tra cartoni in stil"Rapunzel"e gotico alla Tim Burton (il preferito del regista Maurizio Colombi) e l’ironia e la tenerezza dei disneyani. Ha debuttato qualche giorno fa al Teatro Brancaccio di Roma, Rapunzel, il musical con una Lorella Cuccarini inusuale ma convincente cattiva nei panni di madre Gothel, visibilmente emozionata all’inizio dello spettacolo (quando un problema tecnico alla scenografia ha anche costretto a sospendere lo show per qualche minuto).

Attesa ben ripagata quella per la produzione completamente nuova, ispirato alla fiaba dei fratelli Grimm, con qualche aggiunta originale, come i divertenti fiori parlanti Rosa e Spina, il cane-guardia reale Segugio e lo specchio parlante Spiegel, coscienza della giovane principessa. Tra effetti speciali d’impatto (i fuochi e i fumi sprigionati dalla strega Gothel, le lampade luminose che volteggiano per il teatro quando Rapunzel riesce finalmente ad uscire dalla sua torre-prigione) e musica dal vivo, adulti e bambini rimangono incantati dalla favola triste con l’happy end, con l’ambientazione che richiama in chiave moderna la fiaba classica, dove tutto è stilizzato come i rami del bosco che nasconde la torre-prigione. Ironica e divertente Lorella, parrucca e unghie rigorosamente corvine per calarsi meglio nel ruolo della strega a caccia dell’eterna giovinezza. Accanto a lei un cast di livello. A partire da Alessandra Ferrari, eterea ma dalla voce intensa, nel ruolo di Rapunzel – con tanto di treccia magica lunga sei metri – reduce dai successi di Notre Dame de Paris e di Romeo e Giulietta. Nel ruolo di Phil, il ladro scanzonato che si innamora di Rapunzel, Giulio Corso che ha esordito al cinema con Walking on Sunshine. A ballare, cantare, recitare anche venti performer tra ballerini, acrobati, cantanti e attori, scelti in oltre 1200 provini.

Pubblico delle grandi occasioni per la prima nazionale; tra i vip spuntano Pippo Baudo, che scoprì Lorella Cuccarini all’inizio della carriera, Milly Carlucci, Beppe Convertini, Denny Mendez, Giampiero Ingrassia, Corrado Passera, Sebastiano Somma. Molti dei quali accompagnati da piccole fan della ragazzina dalla lunga treccia magica, rimaste a bocca aperta durante le oltre due ore di spettacolo e uscite dal teatro canticchiando.

Rapunzel andrà in scena fino al 18 gennaio con molte pomeridiane per facilitare le famiglie, con inizio dello spettacolo alle 19. Il musical andrà in scena anche il giorno di Natale e il 1 gennaio alle 17.