Tempo di lettura: 2 minuti

"cern"Nei giorni 25 e 26 ottobre, la Sezione di Bari dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) insieme al Dipartimento Interateneo di Fisica "M.Merlin", organizza presso la sala Murat un evento per celebrare il sessantesimo anniversario della fondazione del CERN, il centro europeo per la ricerca nucleare, di Ginevra.
Analoghe iniziative si susseguono dall’inizio dell’anno in tutti gli stati membri del CERN (http://cern60.web.cern.ch/en).
L’Italia è membro fondatore del CERN ed in particolare Edoardo Amaldi (della scuola di via Panisperna di Enrico Fermi) ha giocato il ruolo di padre fondatore dell’Organizzazione. Dopo di lui un gran numero di fisici italiani ha contribuito ai suoi successi, come ad esempio Carlo Rubbia, direttore generale del CERN e premio Nobel.
La sezione di Bari dell’INFN, con i suoi ricercatori, tecnici ed associati universitari, ha pienamente partecipato a questa lunga storia di successi: sin dagli anni 60, infatti, partecipa alle ricerche che si svolgono presso il CERN ed ha contribuito al conseguimento di importati risultati nel campo delle interazioni fondamentali, ultimo in ordine di tempo, alla scoperta del bosone di Higgs. Il contributo barese si è sempre articolato nella realizzazione dei rivelatori nelle strutture della nostra Sezione e del Dipartimento di Fisica e quindi nell’assemblaggio degli stessi sui grandi apparati del CERN. A questa attività si è affiancata sempre per tutti gli esperimenti un intensa attività di analisi ed interpretazione dei dati presso le locali strutture di calcolo.
L’evento organizzato a Bari prevede una mostra fotografica e la proiezione di filmati che ripercorrono la storia di 60 anni del CERN con i momenti fondamentali che ne hanno caratterizzato l’eccellenza scientifica. Sono previsti degli exhibit interattivi dove i visitatori potranno “toccare con mano” alcuni dei rivelatori che costituiscono il cuore degli apparati sperimentali che operano al CERN. Il contributo dell’INFN, ed in particolare della sezione di Bari, alle ricerche del CERN sarà raccontato da alcuni ricercatori baresi, quotidianamente coinvolti nelle attività del CERN, con brevi seminari divulgativi.