Tempo di lettura: 3 minuti

"matera2019XXX_OK"Da Alberto Quintavalle nostro collaboratore e grande appassionato di Matera, riceviamo e volentieri pubblichiamo una sua analisi su Matera Capitale della Cultura nel 2019.

La scelta di Matera, quale Capitale della Cultura Europea 2019, mi rende molto felice.  Un luogo cui amo tornarci spesso e che porta in se tutte quelle cose che spesso immagino di trovare quando penso ad un posto meraviglioso:  il paesaggio, l’arte, il profumo della cucina.

A conferma di ciò (se ce ne fosse bisogno..),  questo grande riconoscimento alla cultura, và ad aggiungersi al già importante attestato UNESCO, come (Patrimonio Mondiale dell’ umanità). E stata scelta tra  importanti città quali Siena, Cagliari, Perugia, Ravenna e Lecce, ottenendo così un risultato eccezionale, considerata la realtà non certo semplice della terra Lucana e proprio per questo, diventa un formidabile punto di partenza per i grandi progetti, per il lavoro e l’occupazione, per le infrastrutture, per l’istruzione. Tutti elementi che possono poi riflettersi positivamente sulle condizioni di vita della gente lucana.

Una città dove emergono anche le sue contraddizioni. Dove si avverte  la netta differenza tra la parte alta (attiva e moderna con i suoi negozi),  e la parte bassa dei Sassi, (bellissima), ma anche desiderosa di restauri importanti, per salvarla dal degrado ben visibile.                   Ed in quest’ epoca, dove l’informazione ha un impatto sociale sempre maggiore, e dove i moderni mezzi di comunicazione, come (internet e i social network), rendendo più fruibili alla grande massa di persone la stessa cultura, diventa assai necessario un maggiore coinvolgimento globale all’ importanza del “sapere”.

"matera2019UUU_99"Matera,  tra 5 anni, avrà  questa grande opportunità. Avrà anche una grande responsabilità come quella di rappresentare la cultura in tutte le sue forme, ma anche una sfida per “testare” le proprie capacità.  Sarà un importante centro Europeo e non solo, dove convoglieranno le Università, le Scuole, l’Istruzione e la Politica.. La cultura unirà tutti gli elementi caratterizzanti il territorio lucano, facendo conoscere  i grandi valori della terra lucana, agli occhi dell’Europa e del Mondo.

Tanti i personaggi, che in questo momento esprimono il loro pensiero di felicità, per questo grande risultato. Mi piace citare (per esempio) chi forse meglio ne rappresenta oggi  “l’animo”  lucano per eccellenza, un genuino interprete nei suoi film, della gioia e malinconia della sua terra ;   l’attore Rocco Papaleo: “Sono felicissimo per questo grande risultato che è anche un’ occasione importante di rilancio della lucania e Matera in particolare, ma allo stesso tempo anche una grande responsabilità, nel dover rappresentare la cultura per l’Europa”.

“Nella città dei Sassi è sempre bello respirare quell’aria dal sapore antico,  l’ intreccio tra il tempo, la natura e l’uomo, nella magica visione delle case create e scavate nella roccia: i Sassi, appunto. Un luogo dove il tempo sembra fermarsi…dove è bello lasciarsi accarezzare dal profumo, ancora contadino, delle sue stradine con i suoi saliscendi”.

"matera2019_87"Anche al grande regista e attore cinematografico, Mel Gibson, è successo di innamorarsi di questo squarcio del sud Italia, scegliendolo quale scenario ideale per il suo film “La Passione di Cristo”, del 2004. Sono seguite poi importanti  rappresentazioni sceniche, come il Presepe Vivente e  ‘Passione di Cristo’, appuntamenti ormai annuali e di successo. Eventi che consacrano questo luogo, come polo importante, anche “nell’ immaginario”.. popolare della Cristianità.

Questo riconoscimento così importante,  può e deve diventare una grande occasione di rilancio, anche economico per la sua gente, da sempre abituata a convivere tra la povertà e l’indifferenza.

Matera con i suoi Sassi, può diventare l’esempio di rinascita, dove la "ricchezza" (non solo materiale..) può partire dalle nostre radici e dalla nostra storia”.

In foto alcuni momenti della feste durante la proclamazione della vittoria di Matera come Capitale della Cultura nel 2019