Tempo di lettura: 5 minuti

"Ferenc1"Dopo un intenso anno di lavoro e di ricerca torna a Bari, con una nuova e ricca edizione, la danza contemporanea con “Visioni di (p)arte” Festival Internazionale di danza contemporanea. La nona edizione. Il 9 sarà la particella intensiva di questa edizione in cui MUOVERSI è la parola d’ordine. La mitologia greca porta il Nove in collegamento alle Nove Muse delle quali, Tersicore, musa della danza, è la nona e la più potente.
L’energia di questo numero comprende la forza di tutti quelli che lo precedono.
L’energia è la grandezza fisica che misura la capacità di un corpo o di un sistema di compiere un lavoro.

Un movimento, quello del festival, che continua nel tempo rafforzandosi ed espandendosi a nuove realtà, progetti e collaborazioni.

Una visione di parte che sul territorio continua il lavoro di formazione e diffusione della danza contemporanea. Riconosciuto come Eccellenza, il Festival continua a connotarsi come voce fuori dal coro dei grandi eventi  e fa del lavoro in rete la sua forza.


Visioni di (p)arte” è ideato e curato dalla compagnia QuaLiBò in collaborazione con l’Associazione Culturale “Tra il dire e il fare”, il “Teatro Kismet OperA”, e con il sostegno della Regione Puglia, Comune di Bari, Teatro Pubblico Pugliese.

Incastonata tra due danzatori internazionali d’eccellenza, Simon Wehrli e Ferenc Fehèr, la gemma di Visioni di (p)arte 2014 è Flick. Nato dalla collaborazione tra il World Dance Movement Italia a cura della Scuola Artinscena/Tezoro Productions e Visioni di (p)Arte – Festival Internazionale di danza contemporanea, di QuaLiBò e con il sostegno del Teatro Pubblico Pugliese – programma strategico I.C.E. – Innovation, Culture and Creativity for a new Economy, Flick è un progetto di professionalizzazione per giovani danzatori pugliesi che non potrebbe trovare cornice più adatta. Scelto tramite audizione, contrattualizzato e affidato a due intriganti coreografe, Barbara Toma ed Eva Sanchez Martz, un gruppo di giovani promesse si approccia alla produzione e porta in scena il risultato di questo percorso.

Il Festival quest’anno inizia con la formazione il 4 e 5 ottobre con un laboratorio sulle arti marziali e il movimento del danzatore condotto dal M° Franco Gervasio; una masterclass sulla tecnica ‘Flying Low’ condotta da Lisa Masellis ed una conversazione sulla storia della danza guidata da Francesca Berardi .

Si continua l’11 e 12 ottobre al Teatro Kismet dove oltre alle serate di spettacoli ci sarà ancora la formazione con le masterclass condotte dagli ospiti internazionali, Simon Wehrli e Ferenc Fehèr, un incontro coordinato dal Teatro Pubblico Pugliese su “Azioni di sistema per la danza in Puglia” ed infine ma non per ultimo si potrà visionareuna mostra fotografica a cura di Tina Masellis.

Insomma un’edizione tutta da scoprire e che riserva interessanti sorprese tra giovani progetti in divenire e azioni performative con il coinvolgimento diretto del pubblico.

Per conoscere tutti gli eventi, orari e luoghi del Festival visita il nostro sito www.qualibo.it .