Tempo di lettura: 2 minuti

"_MIC7225"Il 3, 4 e 5 Ottobre il Borgo Antico di Avetrana ospita il Festival della Dieta Mediterranea, organizzato dal Gruppo di Azione Locale Terre del Primitivo. Protagoniste tutte le buone pratiche che valorizzano lo stile mediterraneo, riconosciuto dall’Unesco patrimonio culturale immateriale dell’umanità. Il raccolto centro storico e i suoi palazzi accoglieranno stand enogastronomici, esposizioni, aree dedicate ai laboratori e visitatori che potranno anche godere di particolari bellezze artistiche e architettoniche. Valorizzazione delle eccellenze tipiche della Puglia, delle varietà alimentari e delle primizie delle stagioni che si alterneranno a degustazioni di prodotti delle aziende più rappresentative del territorio (circa 50 rappresentate dai 16 GAL partner) per conoscere e scegliere le materie prime. Un insieme di pratiche, attività, conoscenze e tradizioni che riguardano il consumo del cibo e che sfociano anche nell’interazione sociale e nella condivisione.

Il programma della tre giorni (venerdì e sabato start ore 18.00, domenica start ore 10.00) si presenta vario e ricco di opportunità: inaugurazione con i giochi tradizionali all’aperto, approfondimenti tematici e iniziative che faranno luce su un caleidoscopio di saperi legati all’arte bianca – dalle frise al pane – all’olio e al vino, punti di degustazione di piatti caldi. E’ una delle attività di apertura lavori, venerdì 3, il convegno sulla Dieta Mediterranea, al quale parteciperanno esperti e nutrizionisti per fornire indicazioni e suggerimenti sulle abitudini alimentari che garantiscono il benessere quotidiano.

L’evento è dedicato soprattutto alla famiglia, grandi e piccini, negli stessi tempi, potranno fruire della proposta di laboratori (su prenotazione): gli adulti potranno partecipare al laboratorio dell’olio extra vergine e al laboratorio dei vini mediterranei, mentre i propri piccoli saranno impegnati in un laboratorio a loro dedicato che, attraverso il gioco forma all’educazione alimentare, alla conoscenza delle stagioni e degli ingredienti della cucina. In particolare, il laboratorio dell’olio extra vergine di oliva fa luce sulle tante varietà – leccina, ogliarola, coratina, etc. – e fornisce i rudimenti per riconoscerlo, conoscerlo e sceglierlo; il laboratorio dei vini mediterranei, con la guida di esperti sommelier, conduce i wine-lovers attraverso vitigni, vendemmie e abbinamenti indovinati.

Imperdibili, nelle prime due giornate, i due cooking show che vedono protagonisti noti cuochi: il primo sceglie l’innovazione e la cucina mediterranea dei grandi chef, il secondo guarda alla tradizione con esperienze a confronto, con docenti di Scuola Alberghiera, food blogger e cuochi, per mostrare come trasformare un piatto della “cucina povera” in un piatto gourmet. Nel pomeriggio di domenica 5 si terranno lezioni di cucina a cura di cuochi docenti professionisti, per imparare segreti e tecniche delle ricette della dieta mediterranea che si basa su un consumo modestissimo di carne e invece predilige verdure, ortaggi, olio extravergine di oliva e consente ogni giorno un bicchiere di vino che contiene il prezioso resveratrolo (antiossidante). Infine, visite guidate attraverso i più significativi itinerari del gusto per scoprire le bellezze naturalistiche che fanno da culla alle materie prime della dieta mediterranea.