Tempo di lettura: 4 minuti

"orecchiette"Per Orecchiette nelle ‘nchiosce il centro storico di Grottaglie si rifà il lookVia le scritte che nulla hanno a che fare con l’arte graffitara e rimessa a lucido di molti angoli della città. Un’operazione pulizia non contro i writer, artisti di strada, ma quei vandali che utilizzano la bomboletta solo per imbrattare. L’iniziativa porta la firma dello stesso staff della manifestazione, che è dovuto intervenire in punti dove appena un mese fa l’amministrazione Comunale aveva provveduto ad effettuare un massiccio intervento di ripulitura. Adesso è tutto pronto per accogliere le migliaia di turisti che lunedì 4 e martedì 5 agosto invaderanno il borgo antico di Grottaglie per la quarta edizione della manifestazione, l’anno scorso seguita da circa 110mila persone in due giorni.

Dodici top chef «firmeranno» lsovrane della pasta pugliese che, dunque, incontrano la fantasia di dodici assi del fornello per una sfida a suon di ricette, in alcuni casi anche insolite e originali. Appuntamento molto atteso con il gusto, promosso e organizzato da Indde e dall’associazione «Le idee non mancano», in collaborazione con l’Unione Europea, la Regione Puglia, il Gal Colline Joniche, il Comune di Grottaglie e il partner ufficiale Magrì Arreda, «Orecchiette nelle ‘nchiosce» declina in modo originale e moderno il piatto principe delle tradizione pugliese per abbinarlo ai vini delle migliori cantine regionali curato di vinoway e che vedrà una giuria di tutto rispetto (Adriano Anglani – Collaboratore Guida Slow Wine Pino De Luca – Etnogastronomo Valentina De Palma – ArchiChef Francesco Galeone – Assaggiatore ONAV Davide Gangi – Editor Vinoway Nicla Pastore – Giornalista Ciro Petrarulo – Presidente Ass. Utopia Malinda Sassu – Wine&Food Trails and Travels – Rudy Lazzaro Degustatore Ais e Michele Traversa, direttore responsabile ed editore di LSDmagazine.

Ormai la manifestazione rappresenta un grande attrattore turistico, anche grazie a pacchetti soggiorno che abbinano cultura del cibo e scoperta delle tante bellezze storico-monumentali di Grottaglie, dal Museo delle ceramiche al Castello Episcopio. E per consentire di vivere meglio ladue giorni di «Orecchiette nelle ‘nchiosce», di cui saranno testimonial Biagio Izzo (il 4 agosto) eMichele Placido (il 5 agosto), gli organizzatori hanno reso possibile l’utilizzo di un’app interattiva, informativa (e anticode per l’acquisto dei ticket) scaricabile su qualsiasi smartphone. È una delle novità assolute di quest’anno, con la postazione per la somministrazione di orecchiette senza glutine e i menù riservati ai bambini.

Tra gli stand disseminati nel centro storico sarà davvero sorprendente assaporare, dentropiatti di ceramica di Grottaglie, orecchiette fresche fornite dal pastificio Divella nelle spigliate ricette dei dodici cuochi presenti quest’anno. Ci sarà da leccarsi i baffi con la versione al pomodorino candito, fagiolini, ricotta dura affumicata e scorzetta di limone di Maria Cicorella (Pashà di Conversano), oppure nella variante «Moijto» con vongole, gamberi, menta e limone di Alessandro Caliolo (Il Vulcano di San Vito dei Normanni). O, ancora, con le orecchiette con «prugghiazza» (porcellana), olio extravergine di oliva, aglio, acciughe, alloro, peperoncino e pane fritto di Arcangelo Mita (Casa Mita di Pulsano), al mirto e tartufo del Salento di Giuseppe Lolli (Baké di Torre dell’Orso), al pesto pugliese e cacio ricotta di Alessandro Guardino (Il Manzoni di Francavilla Fontana), alla crema di pomodoro al forno, melanzane e formaggio dei poveri di Mario Musci (Gallo Restaurant di Trani), con pomodorini, fiori di zucchina, basilico e caciocavallo della Murgia dei trulli di Martino Convertino (Casa Nova di Alberobello) e con capocollo di maiale nostrano, filetto di pomodoro con rucola e pecorino Don Carlo di Sabrina De Felice (Ristorante le Ceramiche di Grottaglie). E davvero gustose si preannunciano le orecchiette con cozze nere di fondo, filetti di seppia, gialletto brindisino, cacio e rucola di Vito Morleo (Terrazza Buena Vista di Brindisi), mantecate con burratina affumicata di Gioia del Colle, friggitello salato e caramelle di pomodoro di San Marzano di Giacinto Fanelli(Biancofiore di Bari), con pomodorini su vellutata di fave e pane croccante di Antonio Turrisi (Il Pizzicagnolo di Grottaglie) e con peperoni arrostiti, capperi, olive nere e pane fritto di Salvatore Amato (La Cuccagna di Crispiano).

Il percorso del gusto, comprendente la possibilità di assaporare Pane Dop di Altamura,salumi della Valle d’Itriaoliolatticini preparati al momento e altri prodotti tipici regionali, anche questi da accompagnare con i vini delle dieci aziende regionali coinvolte nell’iniziativa (Cantine Due Palme, Rivera, Cantele, Albea, Cantine di San Marzano, Antica Enotria, Conti Zecca, Leone de Castris, Pruvas), prevede la distribuzione di kit con piatti di ceramica realizzati dai ceramisti di Grottaglie.

Oltre al saluto del noto comico napoletano Biagio Izzo, che il 4 agosto si affaccerà dal balcone di Piazza Rossano per poi girerà tra gli stand enogastronomici, sono previsti diversispettacoli, a partire dal recital di teatro-canzone «Di Vino di Poesia di Virtù» con Pietro Naglieri e Masha Valentina, in programma il 4 agosto, alle 21 (ingresso libero), al Giardino Mediterraneo. E sempre il Giardino del Mediterraneo si farà teatro, il 5 agosto, della «Serata d’onore» con il popolare attore pugliese Michele Placido, protagonista, alle 21, di un viaggio sonoro tra i versi di Neruda, Montale, D’Annunzio, Dante, Salvatore Di Giacomo e Sergio Bruni (biglietti euro 12).

Ulteriori info sul sito www.orecchiettenellenchiosce.it oppure al numero 099.566.85.60.