Tempo di lettura: 2 minuti

"saretta66"Cresciuta in una famiglia appassionati della buona cucina, dalla nonna alla mamma.
Fin da piccola aveva l’abitudine di guardare le donne della casa preparare il buon
cibo..
Dalla madre, ottima cuoca e artista con il pesce e piatti importanti di carne; e la nonna
madre di suo padre, creatrice dei piatti tradizionali e pasta fatta in casa..
Durante il periodo delle feste, avevano l’abitudine lei, le sorelle e la mamma, la nonna
e la zia, di preparare i dolci tradizionali, questo ha fatto nascere in lei, la voglia di
preparare dolci..
Infatti l’amore della cucina è nata prima dai dolci… aveva l’abitudine di affaccendarsi
con scodelle, fruste, uova e farina… già a 12 -13 anni… poi con il crescere ha iniziato
ad appassionarsi anche sulla pasta, torte salate, piatti di pesce e carne …
Dalle orecchiette alla Cime di Rape; spezzato di vitello con crosta di formaggio e
cime di rape, torcinelli – agnello e patate; il panecotto pugliese; le verdure selvatiche
– il pesce in coccio, le pizze nel forno a legna, i lintorci (troccoli) alla chitarra…
oltre a divertirsi in cucina, durante le vacanze scolastiche aiutava anche il padre
nell’azienda di famiglia; produttore di Vini, Olio extravergine di oliva, sott’oli, olive,
passata di pomodoro… Ha incominciato a mettersi nella produzione, era già capace ad
affaccendarsi nei fornelli, si impegnava nella produzione di carciofi, pomodori secchi
e non mancava il periodo della salsa dove tutta la famiglia si impegnava a prepararla
… fino ad arrivare ad oggi una vendita anche esterna..
"sara5"Dopo gli studi, si è buttata a capofitto a lavorare in azienda del padre… all’inizio era
un tutto fare, produzione, ufficio,.. Durante il periodo delle olive, lei andava in
frantoio per curarsi la fase della molitura dell’olio extravergine di oliva, varietà
“Peranzana”.
Sempre amante della terra e delle tradizioni locali… anche nel frantoio aveva
l’abitudine di studiare libri di cucina per essere sempre aggiornata…
fino ad arrivare, all’apertura di un agriturismo familiare, in cui Sara, lavorava
direttamente in cucina con i cuochi… lei preparava tutta la pasticceria dalle creme,
pan di spagna, torte, bavaresi… e poi affiancava i cuochi nella preparazione … un NO
STOP di lavoro, dato che quando non era presente in cucina, si trasferiva nell’ufficio
dell’azienda per occuparsi dell’amministrazione…
Si accultura anche di Vini, frequenta il corso dell’associazione italiana sommelier AIS
, quindi diventerà anche una futura sommelier; scrive ricette in un blogger : Tumblr e
lavora in azienda…
Il suo obiettivo continuare sempre a cucinare, far conoscere agli altri le sue ricette e i
suoi piatti con video, ricette, viaggiare per acculturarsi di diverse culture, sapori e
profumi con i piatti internazionali e il buon vino; per poi pensare a un domani con
tanti obiettivi nuovi, trasferirsi in una nuova città o all’estero, per spaziare le sue
culture culinarie con piatti esteri oppure proseguire come degustatore ufficiale AIS in
abbinamento cibo.. gli obiettivi sono tanti