Tempo di lettura: 3 minuti

"maggio1"
Manca solo un anno al raggiungimento della maggiore età per il Festival Maggio all’infanzia. L’atteso appuntamento che ogni anno porta in Puglia il meglio della produzione teatrale per le nuove generazioni giunge nel 2014 alla 17a edizione. Organizzato dalla neonata Fondazione SAT – Spettacolo Arte Territorio, nuovo soggetto che include il Teatro Kismet, Le Nuvole di Napoli e lo studio Co&ma e dalla Fondazione Città bambino, con Regione Puglia, Teatro Pubblico Pugliese, Comune di Bari, Banca Carime, il festival, presentato ieri mattina in conferenza stampa, si terrà a Bari dal 15 al 18 maggio. “Un’edizione necessaria” come ha ricordato il presidente del Teatro Kismet Augusto Masiello, segno di una volontà di resistere nonostante le enormi difficoltà cui il settore culturale è esposto. Resistere per le famiglie e i ragazzi che ogni anno affollano le tante iniziative che compongono il fitto programma del festival, resistere per gli artisti pugliesi e nazionali che in ogni edizione del festival trovano la possibilità di presentare il proprio lavoro davanti a una platea di oltre cento operatori culturali provenienti da tutta Italia. L’Assessore al Mediterraneo della Regione Puglia Silvia Godelli in conferenza stampa non nega la difficoltà del momento “Siamo in uno stato di grande preoccupazione, abbiamo costruito un florido sistema culturale nella nostra regione ma ora siamo in affanno e ci auguriamo che quanto abbiamo creato possa continuare in futuro”. “Nonostante le incertezze del momento – continua l’Assessore Godelli–non si può trascurare il tema della cultura per i più giovani e la ricerca di linguaggi specifici per le nuove generazioni”.

"maggio"Conservando la sua doppia anima di “vetrina” del teatro ragazzi e di appuntamento per le famiglie, anche l’edizione 2014 del festival Maggio all’infanzia promette un ricchissimo percorso fra spettacoli, laboratori, animazione e musica.

Due le sedi principali in cui si svolgeranno le iniziative: il palcoscenico del Kismet e gli spazi del Laboratorio urbano Officina degli esordi, aperto da pochi mesi nel centro città, in via Crispi n° 5, cui si aggiungerà nei giorni subito precedenti il festival, un prologo dedicato al cinema per i più piccoli presso la Mediateca Regionale Pugliese di Bari, gestita da Apulia Film Commission.

18 i titoli degli spettacoli teatrali in programma per più di 20 repliche con proposte per tutte le fasce di età, dai piccolissimi agli adolescenti, in un viaggio fra rilettura di fiabe e temi di attualità, teatro di narrazione, teatro d’attore e teatro di figura. Fra i debutti nazionali Koreja con “Io so(g)no”, Principio attivo teatro con “Dottor Jekyll e Mister Hyde”, “Amore e Psiche” della compagnia Burambò. Fra le novità anche il nuovo spettacolo del Teatro Kismet“Badù Re anzi Leone”, liberamente tratto dal Re Leone e firmato dalla regista Lucia Zotti.

L’Officina degli esordi si trasformerà già a partire dall’11 maggio ne l’Officina del Paradiso. In accordo con il titolo scelto per questa edizione del festival “Qui il paradiso”, il Laboratorio Urbano di Via Crispi ospiterà scuole e famiglie, coinvolgendo i ragazzi in laboratori di costruzione per dar vita a un grande paradiso terrestre, fra animali, vegetazione, suoni e colori.

Come sempre non mancheranno le collaborazioni con altre realtà del territorio impegnate nel mondo dell’infanzia. Il portale La Città dei Bimbi curerà un laboratorio di scrittura creativa per i più piccoli, il gruppo Sinapsi dedicherà alle famiglie un laboratorio di cinematografia, gli psicologi del progetto Sirio condurranno il percorso “Sognare a occhi aperti”, gli artisti Pierluca Cetera e Giuseppe Teofilo condurranno i bambini nel loro Museo di Cartone. Altra novità di questa edizione è l’Osservatorio del maggio all’infanzia, un percorso di visione e analisi degli spettacoli destinato a genitori e insegnanti, principali mediatori culturali nei confronti dell’infanzia.(Informazioni su www.maggioallinfanzia.it, Ingresso agli spettacoli 3 euro)