Tempo di lettura: 2 minuti

"Libando14"
Si è concluso con numeri da record l’evento enogastronomico intitolato “Libando, viaggiare mangiando”, tenutosi nella città di Foggia dal 4 al 6 aprile 2014. La prima edizione del festival del cibo di strada, organizzato dal Comune di Foggia, dalle associazioni Street food, Di terra di mare e dall’impresa creativa Red Hot, ideatrice del logo rappresentativo dell’evento, risveglia il turismo nel capoluogo di provincia pugliese riscoprendo le tradizioni del gusto. Con l’eccellente presenza di ben 11 produttori di cibi di strada nazionali, 4 prodotti tipici del territorio pugliese, tavole rotonde con ospiti illustri, letture, spettacoli e street art, il centro storico foggiano registra affluenze da “guinness”. Tra gli artigiani del gusto presenti in Piazza Cattedrale, con stand e chioschi tipici, la preferenza del pubblico presente registrata è ricaduta maggiormente sugli isolani siciliani che, nella maratona del week end “in strada”, hanno servito ben 100 chili di ricotta, 40 chili di milza e 1000 arancini agli affamati passanti. Degni di nota anche i prodotti tipici abruzzesi che con ben due quintali di porchetta di Ariccia e circa tre quintali di arrosticini serviti, si aggiudicano il secondo posto in classifica di questa straordinaria iniziativa, degnamente seguiti dai “padroni di casa” con un servizio di ben 800 litri di birra artigianale, 150 chili di bombette di Alberobello, 60 chili di torcinelli e 300 litri di vino locale. Il week end foggiano, inaugurato in Piazza del Lago con taglio del nastro, non ha infine trattato l’arte dello Street Food unicamente tramite l’enogastronomia ma ha inoltre abbracciato il tema scelto, integrandolo con interessanti esperienze educative per bambini, dimostrazioni artistiche realizzate dall’Accademia delle Belle Arti di Foggia, presentazioni di libri ed infine tavole rotonde che hanno pensato a “speziare”, questa inedita manifestazione, con l’eccezionale presenza di ospiti illustri come, il presidente “Streetfood” Massimiliano Ricciarini, il maestro del gusto Carlo Cambi, lo chef “stellato” Peppe Zullo e lo chef del celebre ristorante di Peschici “il Trabucco”, riscoprendo a 360° tutti i sapori tradizionali italiani.