Tempo di lettura: 4 minuti

"degusto5"Un’unica voce, da oggi, presenta il Negroamaro sulla scena enologica nazionale. A legare con un filo unitario le interpretazioni stilistiche di questo vino, figlio dell’omonimo vitigno, deGusto Salento, prima associazione con i vitivinicoltori di Negroamaro. Di questa uva del sud a bacca nera, interprete del terroir e della storia enologica dell’estremo lembo di Puglia – il Salento – deGusto Salento si propone di raccontarne le potenzialità espressive in rosso e rosato costruendo solide collaborazioni con i produttori, la Regione, le istituzioni locali, i partner tecnici, come Assoenologi e le associazioni deputate alla diffusione della cultura del vino, tra cui AIS e Slow Food. Attiva da maggio scorso, l’associazione del Negroamaro guidata da un team di professionisti appassionati del vitigno salentino, oggi riunisce 12 aziende produttrici: Agricole Vallone, Cantele, Cantine Due Palme, Castel di Salve, Castello Monaci, Conti Zecca, Michele Calò & Figli, Rosa del Golfo, Severino Garofano Vigneti e Cantine, Tenute Rubino, Valle dell’Asso, Vetrere.

Oggi, 6 aprile 2014, a presentare al Vinitaly in conferenza stampa il progetto e le finalità promozionali di deGusto Salento interverrà un parterre di profondi conoscitori della "terra tra i due mari" e estimatori del negroamaro, moderati da Antonio Stornaiolo. Al fianco di Ilaria Donateo, presidente di deGusto Salento, presenteranno i loro contributi: Dario Stefáno, senatore componente commissione agricoltura del Senato e promotore del concorso nazionale "Rosati d’Italia"; Fabrizio Nardoni, assessore regionale alle Risorse agroalimentari; Massimiliano Apollonio, presidente Assoenologi Puglia, Basilicata e Calabria; Giuseppe Baldassarre, docente e responsabile nazionale AIS area vino e salute; Francesco Muci, curatore giuda Slow Wine Puglia.

Giocando con la multisensorialità stimolata da degustazioni, workshop e nuovi format, deGusto Salento lavora esclusivamente alla promozione del Negroamaro legandolo alle tradizioni gastronomiche, artigianali, artistico-culturali del suo territorio di elezione. Poiché il vino, non è semplicemente un bene di consumo ma elemento radicato al tessuto e alle tradizioni territoriali, deGusto Salento ha stretto un sodalizio con il MUST di Lecce (www.mustlecce.it): i rosati delle cantine socie, già da qualche mese infatti, inaugurano le attività culturali del museo storico della città del barocco. Proprio sui rosati, l’Associazione del Negroamaro è in fermento nei preparativi di un evento internazionale che a fine maggio vedrà a Lecce protagonisti i rosé del Salento accanto a quelli nazionali e esteri con l’obiettivo di costruire un percorso sinergico tra i territori tradizionalmente vocati alla produzione di questa tipologia enologica.

L’attività promozionale di deGusto Salento, concentrata a diffondere il piacere di un calice di negroamaro oltre i confini del Salento, l’ha vista ospite con un proprio banco di assaggio in importanti appuntamenti di settore, quali ROSATI D’ITALIA organizzato dall’Enoclub Siena a Firenze lo scorso 13 ottobre 2013, quindi al WEEKEND della DEGUSTAZIONE presso l’Hotel Marriot a Milano lo scorso febbraio. Attività che prossimamente vedrà deGusto Salento presente a: SALOTTI DEL GUSTO (Firenze, 25-26 Aprile 2014); ITALIA IN ROSA (Moniga del Garda, 6-8 giugno 2014); BERE ROSA (Roma, 24 giugno 2014).