Tempo di lettura: 4 minuti

"Michele-Farina55"Il sogno e il grande progetto dell’associazione barese impegnata dal 2003 nell’aiuto alle famiglie dei bambini emato-oncologici che giungono sempre più numerose al Policlinico di Bari è vicino ad una svolta: i fondi della Campagna di Trenta Ore per la Vita 2014 (che ha selezionato Agebeo insieme ad altre 5 realtà in tutta Italia) aiuteranno la costruzione di un Villaggio dell’Accoglienza a Bari su un terreno confiscato alla mafia assegnato all’associazione dal Comune.

Dal 2003 aiuta quotidianamente nei bisogni pratici, concreti e psicologici le famiglie che vivono con i propri bambini il dramma della leucemia infantile.

E’ l’A.Ge.B.E.O. e amici di Vincenzo Onlus, un’associazione ma prima ancora un gruppo di oltre 100 instancabili volontari che sotto la guida del presidente Michele Farina e di sua moglie Chiara operano con tanta energia per sostenere il calvario delle sempre più numerose famiglie che ogni giorno arrivano nel reparto di Onco-Ematologia pediatrica del Policlinico di Bari per combattere la battaglia più importante della loro vita: quella contro la leucemia infantile che ha colpito i loro figli.

L’Associazione, rivitalizzata nel 2003 dopo il dramma e il calvario di Vincenzo, figlio di Michele Farina (a cui è intitolata l’associazione), vittima della leucemia, ogni giorno ospita in un appartamento, concesso nel 2007 in comodato d’uso dal Comune di Bari, le famiglie che devono soggiornare per lunghi periodi a Bari: le cure per le leucemie sono lunghe e i cicli di chemioterapia costringono un nucleo familiare ad “emigrare” seppur temporaneamente, in un’altra città con tutti i problemi del caso.

“La crisi economica non permette a molte famiglie di affittare un appartamento – spiega Michele Farina – e la nostra casa alloggio ha dato ospitalità gratuita ad oltre 300 famiglie fino ad oggi. Il nostro obiettivo è sostenere l’unione e l’integrità della famiglia, che spesso viene messa a dura prova dalla malattia e dalle difficoltà ad essa connesse. Il cancro porta con sé ansia, preoccupazione e pressione psicologica difficili da affrontare per molti nuclei familiari che hanno come reazione la disgregazione, purtroppo pericolosamente ricorrente, nel contesto di una malattia invasiva anche sotto il profilo emotivo”.

La richiesta di aiuto in questi ultimi anni è cresciuta a dismisura: ed è per questo che nello scorso mese di novembre l’associazione A.Ge.B.E.O. ha ottenuto l’assegnazione dal Comune di Bari di un terreno di 4.000 mq confiscato alla mafia che custodisce il grande sogno di Michele e dell’Associazione: costruire un Villaggio dell’Accoglienza per le famiglie dei bambini emato-oncologici.

Il progetto è già pronto: 3 edifici, 15 appartamenti, 78 posti letto, 1 struttura ricettiva, 44 posti auto. Sono questi i numeri della struttura ricettiva che darà sollievo a numerose famiglie che potranno così sentirsi più tranquille e potranno combattere insieme per la guarigione dei propri bambini.

“E’ un progetto di solidarietà molto ambizioso – spiega Michele Farina – e necessita di tanti fondi per la costruzione e la gestione della struttura. Stiamo già studiando una serie di strategie che messe in atto ci permetteranno di realizzare quello che è il nostro sogno più grande, quello che ci da ogni giorno la forza di andare avanti”.

Un grosso aiuto per l’A.Ge.B.E.O. e amici di Vincenzo è già arrivato: l’associazione barese è stata selezionata tra le 6 realtà italiane che beneficeranno dei fondi raccolti dalla Campagna 2014 di Trenta Ore per la Vita, una delle prime esperienze in Italia di sensibilizzazione e raccolta fondi promossa ed organizzata da un ente no-profit in favore di altre associazioni e organizzazioni di volontariato. La Campagna di informazione, sensibilizzazione e raccolta fondi “Trenta ore per la Vita 2014” (in programma da marzo a ottobre) sarà interamente rivolta alla realizzazione di progetti presentati da Associazioni di genitori per assicurare ai bambini e agli adolescenti malati di cancro il diritto alle cure migliori possibilmente rimanendo a casa propria, e quando ciò non fosse possibile, garantire a loro ed alle loro famiglie una casa lontano da casa. Tra i sei progetti selezionati c’è quello di A.Ge.B.E.O. e amici di Vincenzo, che beneficerà del ricavato di parte della raccolta fondi.

Diverse le iniziative che Trenta Ore per la Vita metterà in campo per sensibilizzare alle donazioni: una Crociera della Solidarietà (dal 30 marzo al 6 aprile, con a bordo ospiti del mondo dello spettacolo tra cui Lorella Cuccarini, storico testimonial della campagna), la Campagna sulle reti Rai (dal 7 al 13 aprile): all’interno dei palinsesti televisivi, radiofonici e multimediali dalla Rai, per un’intera settimana saranno effettuate azioni di sensibilizzazione e raccolta fondi per realizzare progetti sull’onco-ematologia pediatrica; Trenta Ore per la Vita in Piazza, un contest musicale ideato dal Maestro Peppe Vessicchio (uno dei più popolari direttori d’orchestra d’Italia) volto a sostenere i progetti dell’edizione 2014 sulla tematica dell’onco-ematologia pediatrica nelle 6 piazze delle città delle associazioni scelte; e infine Il tour “Concerto per la Vita” che si svolgerà per circa 10 repliche, nei migliori teatri di varie città italiane. Le città saranno quelle in cui si andranno a realizzare i progetti di Trenta Ore per la Vita: tra questi anche Bari. Il concerto prevede un programma con le più celebri musiche da film italiani e vedrà la partecipazione di ospiti del panorama musicale italiano.

“Siamo una delle poche associazioni selezionate in tutta Italia – conclude Michele Farina – e l’unica in Puglia. E’ sicuramente un attestato di stima per l’attività di volontariato che ogni giorno svolgiamo. Per poter realizzare il progetto abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti. Rivolgo un appello affinché un piccolissimo contributo possa trasformarsi in una grande opera di solidarietà che potrà regalare un po’ di serenità e maggiore fiducia nel futuro a tante famiglie che di fronte, posso garantirlo per esperienza personale, hanno solo il buio”.