Tempo di lettura: 4 minuti

"
Fervono i preparativi in uno degli angoli più belli del Salento per l’immancabile appuntamento con la devozione, le Tavole di San Giuseppe. La magia della tradizione si rinnova grazie al GAL Terra D’Otranto e ai Comuni di Giurdignano, Minervino di Lecce, San Cassiano e Uggiano La Chiesa che, con il prezioso contributo dei fedeli, faranno rivivere uno dei riti più radicati del territorio. La venerazione per San Giuseppe si rinnova ogni anno attraverso la simbologia della cultura contadina: grandi tavole vengono allestite e imbandite seguendo una particolare ritualità. Dal numero dei partecipanti – da tre a tredici sempre in numero dispari – all’ordine in cui servire le pietanza, dai fiori che impreziosiscono la taula al tovagliato, nulla è lasciato al caso. Un fervore popolare celebrato in una tre giorni dalle quattro cittadine nel cuore del Salento.

Partire dal passato per analizzare le prospettive future: lunedì 17 marzo nel Comune di Uggiano La Chiesa avrà luogo alle ore 18:00 un convegno organizzato presso il Castello “De Viti De Marco” in Casamassella, in cui saranno analizzate le opportunità per il territorio date dal Piano di Sviluppo Rurale. A confronto, oltre ai Sindaci dei Comuni coinvolti, Gabriele Petracca primo cittadino di San Cassiano e Presidente del GAL Terra d’Otranto, Monica Gravante, Sindaco di Giurdignano, Ettore Caroppo, Sindaco di Minervino di Lecce e Salvatore Piconese, Sindaco di Uggiano La Chiesa, Francesco Ferraro, Direttore del Gruppo di Azione Locale Terre D’Otranto, Gabriele Papa Pagliardini, Autorità di Gestione del Piano di Sviluppo Rurale Puglia 2007/2013, Antonio Maria Gabellone, Presidente Provincia di Lecce, Francesco Pacella, Assessore provinciale alle Risorse Agroalimentari e Roberto Capone, Centro Internazionale di Alti Studi Agronomici Mediterranei. Nella serata del 18 fino a mezzogiorno del 19 marzo si potranno visitare le tavole private imbandite dai devoti.

Il rito, che prende il via con la raccolta degli ingredienti utili alla preparazione dei piatti della tradizione sin dai primi giorni di marzo, entrerà nel vivo martedì 18 marzo. Dopo la celebrazione della Santa Messa alle 17:00 nella Chiesa della Trasfigurazione del Signore, nel comune di Giurdignano si potrà assistere al rito della consumazione della Grande Tavola, allestita in Piazza Municipio. Alle 20:00 uno spettacolo pirotecnico segnerà l’apertura ufficiale della Sagra di San Giuseppe.

Nella vicina San Cassiano, granu stumpatu e pittule sulla taula allestita dal Circolo delle Donne, faranno da sfondo, insiema a tutti i piatti legati alla devozione popolare, all’accensione di uno dei simboli della tradizione, la focara. Martedì 18 marzo alle ore 20:00, il fuoco della devozione prenderà vita in onore del Santo. I riti religiosi saranno celebrati mercoledì 19 marzo (ore 18:00: Santa Messa presso la chiesa di San Leonardo Abate in Piazza Cito, da cui prenderà il via la Processione).

Notte di veglia per i fedeli di Minervino di Lecce, che apriranno le loro abitazioni per consentire ai visitatori di ammirare le tavole imbandite, dalle 19:00 a mezzanotte del 18 marzo. Il battito del bastone di San Giuseppe che tocca la terra, darà il via la sera di mercoledì 19 marzo al rito della tavola allestita in Piazza Sant’Antonio, che ospiterà nella veste di santi personalità del mondo istituzionale, culturale e sociale. Un viaggio nelle bontà della tradizione, da degustare negli stand enogastronomici allestiti per l’occasione.