Tempo di lettura: 3 minuti

"bramato5"Prosegue senza sosta il tour promozionale del volume “Interviste alla Città. Nove voci sul futuro di Bari” di Luigi Bramato (in vendita presso tutte le librerie di Bari e sul sito della casa editrice www.gelsorosso.it). Mercoledì 26 febbraio alle ore 18.00 l’Autore sarà presente nella Sala Consiliare del Palazzo della Provincia di Bari per moderare e presiedere la conferenza “Ne faremo una grande e bella città. Prospettive di sviluppo turistico in Terra di Bari”.

Luigi, come è nata l’idea di questo convegno?

Dalla presunzione di vedere riuniti attorno ad un unico tavolo tutti gli operatori del turismo barese. Questa è una città che ha molto da offrire in termini di storia, cultura ed enogastronomia. Basterebbe stringere degli accordi strategici tra le diverse strutture pubbliche e private presenti sul territorio, potenziare l’offerta commerciale dei nostri marchi, incentivare lo studio delle lingue straniere tra i cittadini baresi e chiamare a raccolta tutte le guide turistiche, le agenzie di promozione territoriale, gli storici dell’arte, i teatranti ed il personale tecnico per avviare una poderosa e radicale opera di rinvigorimento culturale in grado di collocare Bari tra le mete turistiche più attrattive del Mediterraneo.

Perché finora non è stato fatto? 

Perché siamo una comunità divisa e rancorosa, insofferente al successo altrui e, di conseguenza, incapace di lavorare in squadra per il bene comune. Poi, non siamo abbastanza intelligenti da capire l’importanza del patrimonio che abbiamo fra le mani. Altrimenti, la casa di Niccolò Piccinni non sarebbe caduta nel dimenticatoio, il Teatro Petruzzelli non sarebbe stato commissariato, il Culto Nicolaiano non si sarebbe ridotto ad un pirotecnico gioco di luci e gli spazi del Castello Normanno Svevo non rimarrebbero così ottusamente chiusi e sordi alle richieste della popolazione. 

Di chi è la colpa?    

Della nostra ignoranza, di chi altro.

Torniamo al convegno. Chi relazionerà sul tema?

Innanzitutto Nicolò Carnimeo e Rocky Malatesta, che considero due professionisti con la p maiuscola, oltre che delle persone cortesi e disponibili. E poi i tre colleghi con i quali ho lavorato più da vicino, vale a dire Dionisio Altamura, Valentina Delle Foglie e Caterina Chimienti.

Perché non ci parli di loro?

Volentieri. Dionisio è una guida turistica abilitata per la Regione Puglia. Nonostante la sua giovanissima età (credo abbia un paio d’anni in meno di me), è una persona molto competente e, soprattutto, dotata di una forte passione che lo spinge a curiosare e ad approfondire lo studio della storia e delle tradizioni della nostra terra. Valentina e Caterina, invece, si occupano di fotografia. Sono loro gli scatti della collettiva che accompagnerà la presentazione del 26 febbraio. A proposito, non abbiamo ancora parlato della mostra.

Era la prossima domanda …

Bene. Si intitola “Ne faremo una grande e bella città” ed è un omaggio fotografico alla nostra terra. L’idea del titolo è di Valentina ed è liberamente tratta dalla celebre citazione di Armando Perotti. La mostra è composta da quindici pannelli, ognuno dei quali tratteggia un angolo suggestivo di Bari, qui immortalata in tutto il suo splendore. Quello del fotografo è un lavoro duro, richiede costanza, metodo, oltre ad una dose di leggera follia. È stato bellissimo seguirle da vicino nel loro peregrinare per i vicoli della città vecchia e i palazzi del borgo murattiano: ogni cripta era una nuova scoperta e ogni effige ci riportava indietro di secoli, quando la nostra città era terra di approdo per normanni, arabi e cavalieri crociati.

Puoi svelarci qualcuno di questi scatti?

Preferisco mantenere il riserbo. Posso solo dire, però, che tra i soggetti fotografati ce ne sono due che lasceranno il pubblico letteralmente a bocca aperta.    

Sembra davvero interessante

Lo è, credetemi.

Perché non ricordiamo le coordinate dell’evento?

Certo. Mercoledì 26 febbraio alle ore 18.00 presso la Sala Consiliare della Provincia di Bari. A questo proposito, voglio ringraziare vivamente la Provincia di Bari nella persona dell’assessore Sergio Fanelli e, in modo particolare, la dott.ssa Annamaria Sallustio di Inner Wheele – Club Bari Alto (Casamassima) per aver creduto e contribuito materialmente alla realizzazione del progetto.

Ci saranno altre presentazione di “Interviste alla Città”?

Non saprei dirti. Forse ancora una, prima dell’estate. Dopodiché mi prenderò un lungo periodo di pausa. Probabilmente lavorerò ad un nuovo progetto, ma è ancora troppo presto per parlarne.

Interviste alla Città. Nove voci sul futuro di Bari (Ed. Gelsorosso).

Il libro di esordio di Luigi Bramato, giornalista barese classe 1984. Un racconto inedito e, insieme, un punto di partenza per un’indagine a tutto tondo sul capoluogo pugliese. Nove interviste ad altrettanti protagonisti della vita politica, economica, culturale e religiosa del territorio, introdotti dalle parole di Valentino Losito, Presidente dell’Ordine dei Giornalisti di Puglia.