Tempo di lettura: 2 minuti

"Colazioni5"
La colazione è il pasto più importante della giornata, ma se fatta in un posto speciale lo diventa ancora di più perché sazia corpo e anima. Non è sempre facile trovare il locale giusto, ma ascovare i caffè e i ristoranti d’Italia in cui godersi colazioni e brunch particolari, ci pensa la giornalista Isa Grassano, con il suo libro “Colazioni da Tiffany” (Newton Compton, 12 euro). Il titolo e la copertina non lasciano dubbi sul richiamo ad Audrey Hepburn, alla sua eleganza e alla famosissima scena in cui, con caffè e croissant, rimane estasiata davanti alla vetrina di Tiffany. Del resto, come sottolinea l’autrice, lo scopo del volume è proprio quello di individuare i locali in cui, entrando, si possa dire: “ah, come mi sento coccolata!”. Quando ci si ferma in un posto, è importante trovare un sorriso, ecco perché in “Colazioni da Tiffany” la Grassano ha scelto di non inserire tutti quei bar e ristorantiche, pur essendo location bellissime, accolgono l’ospite con uno staff poco amichevole. Ogni descrizione è ricca di dettagli che non riguardano solo i cibi ma anche l’ambiente circostante. In fondo, non sarebbe potutoessere diverso,dal momento che (come ammette la stessa scrittrice) la Grassano mangia poco, tanto più quando è in compagnia e si perde in innumerevoli discorsi.Quello raccontato “è un cibo che sazia”, dice l’autrice, “ma per ciò che sta intorno”, di conseguenza non manca mai un piccolo consiglio su cosa fare dopo e sui posti vicini che vale la pena conoscere. “Colazioni da Tiffany” non puntaa fare promozione ai locali di cui tra l’altro, per scelta, non compaiono fotografie.Ècon le parole, infatti, che la Grassano preferisce rievocare le sensazioni che quei luoghi possono trasmettere.

"grassano"
Se i ristoranti e i caffè menzionati sono definiti “glamour” e “chic” non c’è comunque da spaventarsi, il volume pensa a tutte le tasche e parla puredi bar in cuisi possono fare ottimi brunch, con pochi soldi. Questo perché, evidenzia la giornalista, “Chic” non significa per forza “snob” o “costoso”, vuol dire semplicemente “particolare”, come lo è ogni posto che consente di vivere e condividere una pausa o un momento della giornata, in mododiverso. “Colazioni da Tiffany”non è un testo per sole donne né, scherza l’autrice, per donne sole, è un volume per tutti. Tanto più perché,in un mondo in cui si parla sempre e ovunque di cibo, ci mostra un modo nuovo di gustare la colazione e il pranzo, un modo fatto di cibi prelibati ma anche di sensazioni ed emozioni, e trasforma il mangiare in un’esperienza da vivere a 360 gradi. Quello della Grassano è una sorta di diario di viaggio (basato quasi esclusivamente su visite personali) che può diventareun buon punto di partenza per chi vuole trasformare i pasti in momenti speciali da condividere, è una guida da tenere in macchina pertrovare la location adatta a ogni situazione. Un libro da leggere, dice l’autrice, “per esigenza dell’anima”.