Tempo di lettura: 3 minuti

"striano1"Un pomeriggio di radio e cinema con i due conduttori di Cinema House (il programma del sabato pomeriggio della nostra associata Radio Flo), con un ospite d’eccezione, Salvatore Striano (Gomorra, Cesare deve morire), la proiezione, a seguire, del documentario racconto della vita di Striano, Il Riscatto di Giovanna Taviani, presentato al Festival di Cannes 2013 e il live del noto cantautore salentino Mino de Santis, tutto nella splendida cornice del Palazzo Grassi di Aradeo, grazie alla forte collaborazione con l’associazione Arci Club Gallery di Aradeo ( www.clubgallery.it).

Ai microfoni di Cinema House, dalle 18, e in diretta su www.radioflo.it, Salvatore Striano ci parlerà della sua esperienza carceraria e dell’amore profondo per il Teatro e il Cinema, dei suoi progetti futuri ma anche delle problematiche che attanagliano le carceri italiane.

Subito dopo la diretta ci sarà la proiezione del documentario Il Riscatto di Giovanna Taviani presentato al Festival di Cannes 2013: il racconto del percorso compiuto da Salvatore Striano dal carcere fino al grande schermo. A seguire dibattito e concerto del cantautore salentino Mino De Santis.

Salvatore Striano                

L’attore napoletano già noto per Gomorra di Matteo Garrone e Cesare deve morire dei fratelli Taviani – scelto lo scorso anno come rappresentante dell’Italia agli Oscar e vincitore dell’Orso d’oro a Berlino 2012 – e Take Fivedi Guido Lombardi, presentato alla scorsa edizione del Festival Internazionale del Film di Roma.

Un amore per la recitazione sbocciato all’improvviso, nato dietro le sbarre, a Rebibbia. Una vita difficile che parte dai Quartieri Spagnoli di Napoli con il contrabbando di sigarette, poi la detenzione di armi, la cocaina e il carcere già a 14 anni, fino a Rebibbia, dove tutto è cambiato: tra quelle mura ha incontrato Shakespeare, il Teatro e da quel momento non è più voluto essere il vecchio Sasà, ma una nuova persona.

Giovanna Taviani

Debutta come documentarista nel 2004 con il film-documentario I nostri 30 anni: generazioni a confronto (Torino Film Festival, I Congreso Internacional sobre el Cine Europeo Contemporáneo, Lincoln Center di New York e Tiburon International Film Festival – Tiburon, California).

Nel 2005 realizza il suo secondo film-documentario Ritorni (vincitore del Premio Speciale della Giuria al Potenza International Film Festival e Menzione speciale della Giuria al Premio Fondazione Libero Bizzarri).

Nel 2010 presenta il film documentaerio Funghi e Aprrodi (Premio miglior documentario SicilianFilmFestival – Miami; Menzione Speciale Festival Filmtage – Bolzano Cinema 2011; Premio Speciale Sezione Documentari Federico II; Premio Speciale Documentari Nastri d’Argento 20011; Premio Speciale della giuria al Festival d’Annecy 2011; Nomination come miglior documentario ai Globi d’oro 2011).

Nel 2012 regista e sceneggiatrice del film documentario Ragazzi all’opera e di Pane e Pregiudizio.

Mino De Santis

Testimone di usi e tradizioni del meridione e del Salento, di storie di vita tra il triste ed il comico, senza perdere mai l��ironia e la musicalità tipica dei cantautori italiani come De Andrè o Stefano Rosso, è questo Mino De Santis.

Un’artista da seguire (Vincenzo Mollica, DoReCiakGulp! Rai 1).

Il Salento trova nuove parole, quelle puntute, del graffio autoriale. Anarchiche quanto basta per tener desto l’animo e l’occhio allo sguardo: quello dritto, che mai s’inchina e fa riverenza. Mino De Santis è così, ama il ridere, il soffio e lo spiffero. (Mauro Marino).

Mino De Santis è un ascolto che il tempo e la pratica portano a metabolizzare. Non è la risata di turno ciò che arriva e resta. Ma un ondulato senso di profondità che scolpisce immagini nella memoria e libera l’ascolto dalla superficialità attorno (Erika Sorrenti e Francesco Aprile).

Il Riscatto
Sabato 25 gennaio – Palazzo Grassi, Via Costituzione 19, Aradeo (LE)

In diretta su  www.radioflo.it / http://mobile.radioflo.it
Ore 18.00 – Ingresso 3 euro // con tesseramento 6 euro