Tempo di lettura: 3 minuti

"corsica"
Affascinante isola situata a nord della Sardegna, proprio al di là delle Bocche di Bonifacio, la Corsica è la terza isola per estensione del Mediterraneo e una delle più conosciute e affascinanti. Di proprietà della Francia dal 1768, la Corsica si caratterizza per una natura straordinaria e offre ai propri visitatori dei paesaggi davvero incantevoli.

Tanti sono i luoghi da vedere, così se state pensando a una vacanza in Corsica, è bene avere in mente cosa visitare.

Corsica: cosa vedere

Proporre una guida della Corsica a chi non ha mai avuto modo di visitarla non è semplice e questo perché i luoghi da vedere sono molti e tutti ugualmente affascinanti.

Prima tappa, una volta approdati sull’isola, è la capitale Ajaccio ancora oggi molto legata alla figura di Napoleone, che qui nacque nel 1769. Tra i luoghi più interessanti da visitare c’è in primo luogo la casa natale dell’Imperatore situata in rue St. Charles ove sono esposti i ritratti della famiglia Bonaparte, oltre a mobili d’epoca e numerosi cimeli di famiglia. Da visitare è anche la Cappella imperiale ove sono seppelliti alcuni membri della famiglia tra i quali il cardinale Fesch, zio di Napoleone e grande appassionato d’arte. Altra tappa fondamentale è la Cathèdrale Notre-Dame de la Misericord dove Napoleone venne battezzato nel 1771; presso questa chiesa si trova anche il celebre dipinto di DelacroixViergeduSacrè-Couer.

Lasciando Ajaccio molte sono ancora le cose da visitare in Corsica.

Tra le altre città da vedere segnaliamo Bastia, considerata come una sorta di Liguria in miniatura per le sue chiese barocche, le sue case con tette in ardesia e i suoi vicoli stretti; il nucleo principale della città è Vieux Port, con il suo aspetto tipicamente marinaro. Molto interessanti da vedere è anche la Chiesa di Sainte-Marie e il Cristo dei Miracoli, un crocifisso in legno molto caro agli abitanti del posto e custodito presso l’OratoireSainte-Croix.

Non molto lontano dall’oratorio si trova la casa ove visse Balzac per qualche tempo.

Altri borghi caratteristici sono Corte, situato proprio al centro dell’isola e rinomato per i percorsi di trekking, Calenza, punto di partenza della GR20, una delle camminate più impegnative e conosciute d’Europa.

Se siete appassionati del mare, da non perdere sono i borghi di Capo Corso ma anche Centuri, Erbalunga, Macinaggio, Nonza, fino ad arrivare all’elegante Saint Florent. E’ però spostandosi nella parte sud dell’isola che ci si imbatte nelle spiagge più belle come quella di Palombaggia e Sant Giulia, senza contare Porto Vecchio considerato come uno dei luoghi più chic della Corsica.

Da provare è anche la cucina locale, ove a dominare sono le erbe come il rosmarino, il timo e il basilico. Tra le pietanze più note della Corsica ricordiamo i souffle, le frittelle, le lasagne, i cannelloni con il brocciu, un particolare formaggio ottenuto dal siero del latte di capra e di pecora. Non mancano i piatti di carne e ovviamente di pesce, così come i salumi di produzione locale.