Tempo di lettura: 2 minuti

"ferrante"
Parola chiave sperimentazione. Sperimentare il senso del tatto attraverso nuovi codici che riportano la percezione su piani di livello differente. Tutto questo ad HAND VISION – exposition two, il secondo appuntamento con l’arte firmato  “MyPerception – l’arte nei cinque sensi”, il progetto artistico nato da un’idea del professionista Nico Caradonna,  a cura della giornalista Stefania Ferrante, patrocinato dall’Accademia di Belle Arti di Bari, Regione Puglia, Provincia di Bari e Comune di Modugno.

Il secondo dei sei appuntamenti con la percezione è stato inaugurato l’altra sera a Modugno presso lo spazio VisionOttica Caradonna – Cso Vittorio Emanuele 67 –  alla presenza di un gremito pubblico per una sera fruitore e allo stesso tempo protagonista dell’arte.

“Il tatto,  senso con cui generalmente ci si rapporta in maniera diretta all’altro o all’oggetto, in questa sede è stato riformulato tra svariate dimensioni, tra virtuale e reale, materia e superficie, visibile ed invisibile”- ha precisato Vito Maiullari docente dell’Accademia e curatore di HAND VISION – exposition two.  Opere dense di significato, in esposizione fino al 9 novembre,  realizzate dagli artisti in formazione dell’Accademia: Serena Coppolecchia, Vittoria Coppolecchia, Tonia Pucci  con “CODED”, un trittico di box in cui scoprire una camera oscura, sfidare un insieme di chiodi e leggere il codice brail; Teresa Romano e Marco Testini, hanno invece unito la fotografia il tatto e la tecnologia in “The Cave” con l’utilizzo del QRcode per ampliare gli orizzonti;  Alessia Salatino ha concretizzato il tatto nella pietra con la sua “Impronta” mentre Raffaella Torelli Rosalba Di Pierro hanno coinvolto il pubblico in una performance dal vivo “CON-TATTO” utilizzando l’argilla.

Dall’anima concettuale l’esposizione ha incuriosito e stimolato la rif"opera6"lessione e lo stesso Direttore dell’Accademia di Belle Arti di Bari Giuseppe Sylos Labini, intervenuto per l’occasione,  ha precisato come “l’intero progetto MyPerception – l’arte nei cinque sensi è da considerarsi un lodevole laboratorio per i giovani artisti in un momento in cui sperimentazione e  produzione sono il verbo al quale l’Accademia deve tendere per raccogliere nuovi stimoli e feedback positivi, così come è stato per il  Premio Nazionale delle Arti 2013 ospitato a Bari”.

La terza tappa di “MyPerception- L’arte nei cinque sensi” a dicembre con la mostra MOUTH VISION, protagonista questa volta sarà il gusto.

Il progetto vede la partecipazione  come media partner di  Radio Sound City Network, della rivista d’arte Enkomion e de Il sito dell’arte e dell’agenzia di web, comunicazione e marketing JCOM ITALIA che ha curato il sito web www.myperception.it.

Foto di Fabio Ingegno