Tempo di lettura: 2 minuti

"Notti A partire da lunedì 19 agosto 2013, iniziano a Polignano a Mare, in Puglia, le riprese di “Notti Bionde”. Il docufilm diretto da Vito Caggianelli, è prodotto da Eclipse Entertainment con Oz Film srl. Protagonista assoluto della pellicola sarà Giovanni Fassio autore della sceneggiatura insieme al regista. Il progetto filmico è incentrato sul traffico clandestino di sigarette. A 13 anni dall’Operazione Primavera che smantellò le organizzazioni contrabbandiere pugliesi e le loro basi logistiche. La vita del protagonista, ex contrabbandiere, ricca di intrecci, drammi, azioni, dolori, amori e sofferenze, diventa la linea narrativa che ci conduce alla scoperta degli avvenimenti. SINOSSI La politica tace, convive con il contrabbando, il contrabbando alza la testa, sfida la politica, la politica fa azione di repressione, il contrabbando si inabissa, la politica si ritira, il contrabbando si riorganizza e si ricomincia da daccapo. Negli anni ’90 il contrabbando di sigarette raggiunse livelli da economia sommersa. Gli scarichi in città sotto gli occhi di tutti, le notti bianche di scafisti e scaricatori tra Bari, Monopoli, Polignano, Brindisi… Bar, Kotor, Zelenika. Battaglie spietate via terra, via mare, elicotteri in volo, con scontri, tamponamenti, assalti. Mostri d’acciaio trasformati in macchine da guerra. Fuori strada della Guardia di Finanza speronati con forza, messi fuori uso. 13 anni dopo "Primavera", Giovanni Fassio ha deciso di fare fino in fondo i conti con se stesso, con le sue emozioni, ricordi, dolori, tornando sui luoghi di lavoro. Ci racconta in prima persona, una storia drammatica, di dolore, la storia di uno Stato, ferito nell’onore per una tragedia rispetto alla quale non poteva più far finta di nulla,  costretto  a colpire con una  durezza  senza  precedenti, cancellando  in meno di un mese, ciò che in vent’anni aveva colpevolmente trascurato. Gianni ora è un uomo, che ha scontato il debito con la giustizia e riscattatosi socialmente. NOTTI BIONDE, il dramma del contrabbando, dai ’90 all’Operazione Primavera.