Tempo di lettura: 2 minuti

"VoloLa Basilicata "propone una nuova idea di turismo" per un’area "che ha grandi potenzialità attrattive, naturali e architettoniche" come il Senisese, e "dove si è verificato un processo storico, con l’unione di 15 Comuni che hanno costituito una rete con un unico obiettivo, che è quello della valorizzazione del territorio".

Lo ha detto il governatore lucano, Vito De Filippo, presentando a Potenza il Volo dell’Aquila, l’attrattore turistico che sarà inaugurato il prossimo 29 luglio, realizzato con il fondi del Programma speciale Senisese: "Le vette della Basilicata – ha aggiunto De Filippo – qui come in precedenza a Castelmezzano e Pietrapertosa, rappresentano una tentazione a spaziare sulle valli sottostanti. In questo, con la possibilità di volare su scenari naturali incantevoli – ha concluso – siamo riusciti a rispettare la natura della zona aggiungendo una nuova dimensione alla fruizione di queste zona".

Nel corso della conferenza stampa sono state annunciate anche alcune novità, che riguardano altri attrattori turistici presto fruibili in Basilicata, come lo "sbarco dei greci" sulla diga di Senise. "Occorre puntare – ha detto l’assessore regionale alle attvità produttive, Marcello Pittella – su un turismo che regali emozioni. Infatti la scelta del viaggio è motivata soprattutto da cosa un luogo riesce a comunicare. In questo senso, i grandi attrattori sono una forte motivazione e un veicolo per apprezzare quanto il territorio può offrire. Oltre al turismo d’avventura e l’aria aperta, con il Volo dell’Aquila; ha aggiunto Pittella – il viaggiatore potrà godere panorami mozzafiato per una mini vacanza green, non trascurando di conoscere le tradizioni millenarie del popolo arbereshe che San Costantino Albanese, insieme agli altri paesi dell’area, custodisce gelosamente".

Sul Volo dell’Aquila possono "salire" i bambini con più di dieci anni, e le persone con un’altezza non inferiore a 130 centimetri e un peso non superiore a 80 chili. "Valorizzazione del paesaggio e divertimento – ha detto il direttore dell’Apt, Gianpiero Perri – costituiscono il binomio ed il punto di forza di queste nuove proposte turistiche di grande suggestione e di forte impatto emotivo. Proposte finalizzate a dare una significativa spinta comunicativa all’immagine del Parco del Pollino e di San Costantino Albanese, concorrendo così anche a valorizzare i tratti identitari della comunità locale derivanti da una cultura Arbereshe. Un progetto che costituisce uno dei tasselli del programma di interventi previsti per l’area del Senisese; Pollino che ha come obiettivo finale la creazione di un sistema turistico locale". Per il sindaco di San Costantino Albanese, Rosamaria Busicchio, "le aspettative del macroattrattore sono notevoli, principalmente si attende un incremento economico con ricadute di sviluppo non circoscritte a San Costantino, ma ampiamente estese all’intero comprensorio".