Tempo di lettura: 2 minuti

"Allacciate
A meno di un mese dall’inizio delle riprese che dovrebbe essere il 13 maggio in Puglia, già ambientazione di Mine vaganti, iniziano a circolare i nomi dei possibili protagonisti di Allacciate le cinture, il nuovo film di Ferzan Ozpetek che, stando alle poche notizie uscite finora, dovrebbe avere al centro una coppia insieme da più di 10 anni, che affronta un momento delicato nel proprio matrimonio. Stando alle anticipazioni nel cast ci potrebbero essere volti già legati al cinema di Ozpetek come Paola Minaccioni e Carolina Crescentini, insieme a new entry come Kasia Smutniak, Filippo Scicchitano e Francesco Arca.

Le riprese dovrebbero durare nove settimane, fra Lecce e Salento, per un debutto in sala nell’autunno 2013, con distribuzione 01. Il regista in quest’occasione è tornato a scrivere insieme a Gianni Romoli, che è anche produttore con Tilde Corsi per la R&C (in collaborazione con Rai Cinema). Un trio che aveva già realizzato successi del cineasta turco come Le fate ignoranti, La finestra di fronte e Saturno contro.

"Avevamo già deciso dopo Mine Vaganti che saremmo tornati insieme per questo film, ma continuo a lavorare anche con Procacci (produttore delle sue ultime pellicole), con cui ho già anche in cantiere un nuovo progetto" aveva spiegato Ozpetek in qualche intervista (tra le altre a Repubblica e Sky) mesi fa, da cui era uscito anche qualche dettaglio sulla trama.

Sarà la storia d’amore di una coppia, nell’arco di oltre 10 anni: "C’è la commedia ma anche il dramma, come capita nella vita. Quando si allacciano le cinture di sicurezza? Quando c’è una turbolenza… si parla di questo". Sarà "il mio primo film sull’amore tra uomo e donna: mi piace molto esplorare i meccanismi del matrimonio". Il regista tocca anche "un argomento molto grave e importante, che riguarda tutti noi. Cercherò di raccontarlo attraverso i sentimenti e l’uomo".

Dopo essere stato a inizio marzo a Londra, per London’s Italian Film Festival – Cinema Made in Italy, organizzato dall’Istituto Luce Cinecittà e dall’Istituto italiano di cultura, dove ha presentato in anteprima per il territorio britannico Magnifica Presenza, il regista è tornato a Lecce prima di Pasqua per i sopralluoghi di Allacciate le cinture: "E’ venuta per la prima volta anche la mia produttrice Tilde Corsi e rimane colpita dovunque andiamo – ha detto Ozpetek a SalentowebTv -. E’ una città molto bella ma contano soprattutto le persone, che sono meravigliose".