Tempo di lettura: 2 minuti

"Pazze
Questo film è un atto d’amore per le donne, che amo e mi divertono. Ma nella vita io e Francesco (Mandelli, ndr) non le capiamo, le guardiamo come extraterrestri". Così il regista Fausto Brizzi presenta il suo nuovo capitolo sulla guerra dei sessi: Pazze di me, da oggi 24 gennaio nelle nostre sale con circa 600 copie targate 01 Distribution e presentato ufficialmente a Bari nel Multisala Galleria di Francesco Santalucia in compagnia del critico cinematografico Carlo Gentile (RaiCinema – Sncci), il regista Fausto Brizzi ed il protagonista del film Francesco Mandelli. Pazze di me, è una commedia corale e virata in rosa, che vede come protagonisti Andrea (Francesco Mandelli) e sette donne: mamma, tre sorelle, nonna, badante, più la donna della sua vita, Giulia (Valeria Bilello). Femmina anche il cane di casa.

Problema, come tutelare Giulia dalla sua ingombrante famiglia? La risposta nel film prodotto da Wildside e RaiCinema, scritto a sei mani da Brizzi con il fedele Marco Martani e Federica Bosco(autrice del romanzo omonimo) e interpretato anche da Loretta Goggi, Chiara Francini, Claudia Zanella, Marina Rocco, Lucia Poli e Paola Minaccioni, più Alessandro Tiberi, Gioele Dix e Maurizio Micheli in piccole parti.

"Una operazione di riverniciatura per Francesco che si toglie la maschera da impunito del Ruggero de I soliti idioti e si ritrova ragazzo in un ruolo non caricaturale, mentre per prendere le donne – dice Brizzi – non ho guardato al marketing: non sono attrici di moda o del momento, ma quelle che mi facevano ridere: la regia per me è una vacanza dal mio primo lavoro di sceneggiatore, per cui voglio divertirmi".

"Pazze
Sottolinea, invece, "il mio primo ruolo da protagonista e l’inversione a U rispetto ai "Soliti idiotì" Francesco Mandelli, che parla di "ruolo molto più educato, senza faccette, per sottrazione: dovevo mandare in gol tutte queste donne, facendomi rimbalzare addosso le loro follie". "Possiamo far ridere anche se siamo delle belle donne", rivendica la Minaccioni, e Brizzi incassa: "Ho fatto questo film per dare ruoli comici alle donne", mentre Mandelli sottolinea "l’atmosfera goliardica sul set: Fausto non si prende sul serio, per lui come per me il cinema è un gioco".

Alle ore 20.30 Fausto Brizzi e Francesco Mandelli saluteranno il pubblico del Cinema Galleria e alle ore 21 e 15 saranno invece allo Showville, per un saluto sul modello “Rosa Purpurea del Cairo” di Woody Allen.
Foto di Alberto Peconio
[wp_youtube]2jTierQngoc[/wp_youtube]