Tempo di lettura: 2 minuti

"Shi
Saranno girate a Brindisi alcune delle scene del film – quelle che riguardano l’infanzia – che due registi italiani hanno dedicato al venerabile maestro Shi Yan Fan, di origini brindisine (il suo nome è Franco Testini ed ha lasciato la città nel 1994), primo Monaco Buddhista occidentale ed Ambasciatore della cultura ‘Shaolin‘.

L’iniziativa è stata presentata a Brindisi dove il sindaco Mimmo Consales ed il presidente del consiglio comunale Luciano Loaiacono hanno ricevuto, nella sala universitaria di Palazzo Nervegna, Shi Yan Fan e i due registi.

Nel corso dell’incontro, il maestro 46enne ha spiegato – è detto in una nota – che "la cultura Shaolin è espressione di una filosofia ben precisa, legata al Buddismo Chan, che preserva e migliora la salute mentale e fisica, in quanto pone al centro della pratica la coltivazione della pazienza e della perseveranza. Oggi questa cultura è diffusa in tanti Paesi, anche grazie a dimostrazioni e esibizioni di vario genere". Sui benefici di tale cultura, il maestro ha aggiunto che "l’ impegno ed il duro lavoro che tale disciplina professa induce l’allievo a sviluppare una forte volontà e costanza".

Shi Yan Fan è arrivato in Italia, insieme ad una delegazione, in occasione di una conferenza internazionale sulla sua religione che si è tenuta a Roma a fine dicembre. Il maestro è impegnato nella missione di educare le genti di tutto il mondo alla convivenza pacifica e sana, all’esercizio fisico quotidiano ed a sostenere i bambini quali artefici del futuro. Il sindaco Mimmo Consales ha aggiunto che la presenza di Shi Yan Fandel a Brindisi "non è dovuta solo alle sue origini brindisine, ma dimostra che la nostra è una città aperta a nuove culture e che lo stesso maestro ci consentirà di rafforzare i rapporti bilaterali con Los Angeles, dove attualmente vive". Ieri nel Palazumbo si è svolto una manifestazione di arti marziali, con la presenza dello stesso Shy Yan Fan.