Tempo di lettura: 2 minuti

"OneGiga"
La Repubblica di Serbia ha ufficialmente approvato, in via definitiva, l’accordo per la costruzione del più grande parco fotovoltaico al mondo sul proprio territorio. Il progetto OneGiga è stato ideato e promosso dalla società di venture capital management Securum Equity Partners & Associates.

Qualche giorno fa, presso il Palazzo del Governo di Belgrado, ha avuto luogo la seduta di approvazione del Binding Agreement, vale a dire la stipula del contratto giuridicamente vincolante tra le parti che di fatto rappresenta il via definitivo al progetto OneGiga: la realizzazione del parco solare annunciato lo scorso febbraio che si estenderà su una superficie di tremila ettari nella Repubblica di Serbia. Si tratta del più grande parco fotovoltaico nel mondo, due volte più grande dell’equivalente californiano che deteneva il primato fino a oggiAggiungi un appuntamento per oggi.
La presentazione ufficiale dell’accordo, con conseguente stipula dei contratti, ha visto coinvolti due ministri del governo serbo (il Ministro Mihajlovic dell’energia e protezione dell’ambiente ed il ministro Dinkic dell’economia e finanze) e il top management di Securum Equity Partners & Associates: Dimitri Alessandro Passaro co-Chief Executive Officer & CFO, Alessio Colussi co-Chief Executive & Chief Relationship Officer e Ivan Matejak Head of the Western Balkans Representative Office di Securum.

I terreni utilizzati per l’installazione del parco sono situati in prossimità degli elettrodotti e caratterizzati dalla massima efficienza della radiazione solare. Il progetto OneGiga ha peculiarità tali da renderlo una realtà unica nel suo genere: 1000MW di potenza installata, 1,28 Miliardi di Euro investiti nella costruzione, 475 Milioni di Euro investiti nei successivi 25 anni per la manutenzione degli impianti (totale investimento Euro 1,755 Miliardi di Euro), 3000 ettari di superficie occupata (di soli terreni marginali non agricoli), 1,15 Terawatt-ora annui previsti di produzione di energia elettrica pulita interamente ritirati dagli impianti di produzione dalla società di diritto serbo Enerxia Energy (società a capitale misto pubblico privato).

Anche l’aspetto occupazionale presenta numeri di assoluto rilievo che possono essere così riassunti, in relazione alle tre società coinvolte nel progetto:
MX GROUP SOUTH EAST EUROPE DOO (società di diritto serbo già costituita)
Questa società svolgerà il ruolo di EPC contractor, cioè sarà il costruttore dell’intero parco solare da 1000MW.
Nella fase di costruzione degli impianti (01.04.2013 – 31.12.2015) è previsto l’impiego di 500 persone con diverse qualifiche professionali (50 ingegneri e tecnici locali e 450 operai per il montaggio del parco).
Nella fase immediatamente successiva all’installazione degli impianti e per tutta la vita utile degli stessi, 25 anni, saranno impiegate 120 persone per la manutenzione ordinaria. La gran parte di questo personale sarà reclutato nel sud della Serbia (l’area con il maggior tasso di disoccupazione del paese).

Questa società avrà una capacità produttiva di circa 60MW all’anno di pannelli. Si svilupperà su di un superficie di circa 10.000 mq. ed occuperà 120 persone. Entro 12 mesi dal kick-off usciranno dalla fabbrica i primi pannelli certificati.

Questa società avrà una capacità produttiva di circa 80MW all’anno di inverter costruiti su licenza e brevetti di Fimer Spa. Si svilupperà su di un superficie di circa 10.000 mq. ed occuperà 80 persone. Entro 10 mesi dal kick-off usciranno dalla fabbrica gli inverter certificati.

In foto il progetto che si realizzerà in Serbia