Tempo di lettura: 2 minuti

"AlbertaDomani 23 ottobre con la mostra di Alberta Zallone “Cieli americani” si inaugura la stagione espositiva 2012-13 de “La Corte, fotografia e ricerca” presso al sua sede nel cortile centrale del Castello Svevo.
La ricerca di Alberta Zallone, docente di Istologia e esperta internazionalmente nota nel campo dell’osteoporosi, copre un’esperienza di vita e lavoro negli Stati Uniti iniziata già negli anni settanta e si inquadra perfettamente in quella che è una delle principali linee di ricerche de La Corte, l’invito al viaggio, nello spazio e nel tempo, inteso come metafora e trasformazione del Sé, quel viaggio che comunque comporta l’acquisizione dolorosa di un “amaro sapere” (Baudelaire).
La mostra, la prima dell’autrice, si articola in un continuum di immagini metropolitane (New York city, ma non solo), in una serie di visioni che mettono in relazione il paesaggio aspro del deserto e la natura vegetale (in realtà entrambi antropizzati dall’uomo, basti pensare a testi ormai classici della fotografia contemporanea come i “DesertCantos” di Misrach o al West “dialettico” di Shore, tra gli altri).
Un’ultima sezione diversa per formato e dimensioni definisce, negli ampi spazi disponibili nelle realtà metropolitane, un piccolo atlante di segni, di graffiti, di icone che alludono alla comunicazione politica o all’urgenza degli individui di lasciare una qualche traccia del loro passaggio.
"AlbertaNei grandi spazi dell’America, come sostiene Baudrillard, è lo spazio stesso in sé a costituire un modo non solo di vedere, ma anche di pensare.
La mostra è a cura di Marilena Bonomo e si avvale in catalogo di una testimonianza di Marilena Bonomo e di un testo di Manlio Capaldi, artista e profondo conoscitore della cultura americana e dei suoi vari linguaggi.
La mostra sarà visitabile negli orari di apertura del Castello Svevo. L’ingresso sarà gratuito nel giorno dell’inaugurazione.