Tempo di lettura: 2 minuti

"iPadIl prestigioso invito non ha alleggerito le attese ma soprattutto lascia poco spazio alla fantasia: “We’ve got a little more to show you” ovvero “Abbiamo qualcosina in più da farvi vedere”; ovviamente riecheggia l’eco della Silicon Valley e la casa di Cupertino colpisce ancora.

L’appuntamento è fissato per il 23 ottobre al California Theatre di San Jose alle ore 10,00 locali ( ore 19,00 qui in Italia) per un evento davvero importante con il quale Apple presenterà al mondo intero iPad Mini.

Una creatura nuova non solo nella sua forma e nei suoi contenuti ma soprattutto nella “idea” che questa azienda –  ormai leader incontrastata del mercato di riferimento – vuole trasmettere alla sua utenza; una risposta concreta a tutti coloro che sostengono la evidente “chiusura” della Mela rispetto ad alcuni suoi prodotti ed in generale ad alcuni mercati apparentemente da “snobbare” e non considerati perforanti.

iPad Mini non sarà infatti una alternativa ad iPad e anzi con i suoi 7,85 pollici intende “bucare”  un segmento di mercato ad oggi inesplorato e soprattutto nel quale Android – ad oggi – ha agito senza alcun disturbo; evidentemente la esponenziale crescita dell’impiego di mini tablet ha imposto alla Apple e ai suoi sviluppatori un ulteriore sacrificio. L’idea e la concretezza di una tavoletta leggera, maneggevole e trasportabile è un fatto concreto.

L’Head Quarter di Cupertino non ha bene accettato le sfide lanciate prima da Google con Nexus 7 e poi da Amazon con Kindle Fire e ha deciso di aggredire i competitors a modo suo: nuova mini tavola ma con Retina display e su piattaforma dell’attuale iPad2; insomma il divertimento è garantito.

Tuttavia ciò che in queste ore che ci separano dal big event del 23 ottobre sta facendo preoccupare e non poco sia gli analisti finanziari che i rivali giurati di Apple è proprio il prezzo fissato: il nuovo device costerà infatti alla utenza finale ben 249 dollari attestandosi per il mercato europeo ( notoriamente più esoso) al disotto dei 260 euro: questa è la vera rivoluzione. Prezzo accessibile significa prodotto che “apre” ad un mercato di massa preparandosi ad invaderlo perché nel suo momento storico di massima espansione. A questo si aggiunga un importante rumor secondo cui prestissimo se non in simultanea il nuovo iPad sarà affiancato da un iBookstore nuovo di pacca e sensibilmente rinnovato.

Un ulteriore passo in avanti per Apple e un rilancio che assume – come già sottolineato – significati che vanno ben oltre gli aspetti commerciali; iPad Mini rappresenta la vera innovazione del post Jobs e dunque l’inizio di una nuova “saga”  firmata da Tim Cook: una impronta data dal suo imparagonabile fondatore  ma che riesce a calcare terreni nuovi, capace cioè di comprendere andamenti del mercato ed esigenze dei consumatori.