Tempo di lettura: 2 minuti

"HiromiI puristi del Jazz spesso storcono il naso nell’ascoltare validi talenti che si cimentano in sperimentazioni e contaminazioni, o abbandonano gli schemi per avventurarsi nel Free Jazz. Ma se pensiamo a come Miles sia entrato nella penombra dell’ austero fumoso ed elegante “castello del Jazz”, e abbia spalancato tutte le finestre e tirato via le tende, per fare entrare riflessi di luce e per dare vita a infinite variazioni di colore, che questa musica nasconde…non possiamo che fermarci anche noi ad accogliere e comprendere come il jazz attecchisce e prende forma in questi giovani artisti che la kermesse americana ci propone.
Il Tuscia in Jazz, per la stagione estiva, accende i riflettori, e pone come artista di punta di tutto il festival, l’ecclettica pianista giapponese Hiromi Uehara, per dare vita ad un concerto intenso e suggestivo.
L’assenza del consueto duo che accompagna solitamente l’artista (basso e batteria), ha reso ancora più rarefatta l’atmosfera consentendo di cogliere anche il suono più esile originato dal pianoforte di Hiromi.
Ieri sera, l’artista ha dato sfogo a istinti musicali che vanno ben oltre la sapienza nell’uso della tastiera, e che testimoniano la profondità dell’espressione musicale ed artistica di Hiromi, assurgendola nell’olimpo internazionale degli artisti Jazz e FreeJazz contemporanei.
Il folto pubblico, nel suggestivo scenario di Ferento, sotto un cielo stellato, accarezzato da una splendida serata estiva, è rimasto letteralmente “stregato” dal fascino di questo piano solo.
Figlia artistica del prestigioso Ahmad Jamal, e compagna di palco del virtuoso Chick Corea, Hiromi Uehara, si distingue per la sua capacità di fondere jazz tradizionale, free jazz, elettronica e sonorità orientali, dando voce ad un suo personalissimo stile, sia nelle rivisitazioni di famosi brani, che nelle personali composizioni.
Il Tuscia in Jazz, con questo concerto,  si conferma uno dei più prestigiori festival Jazz che il bel paese ci propone.
Per info sui prossimi appuntamenti: www.tusciainjazz.com

Foto di Cosimo Gravina.