Tempo di lettura: 1 minuto

"saharawi"Il Parlamento europeo ha approvato a larghissima maggioranza un emendamento che denuncia la repressione in atto del popolo Saharawi da parte del Marocco, chiede la liberazione degli 82 prigionieri politici appartenenti al Fronte Polisario, e sostiene con forza il percorso di autodeterminazione del Sahara Occidentale in accordo con le risoluzioni ONU.
«Il Parlamento europeo ha scritto una delle sue pagine più memorabili, prendendo posizione con nettezza inedita a favore dell’indipendenza del Western Saharawi», lo dichiara in una nota Pino Arlacchi, eurodeputato e sostenitore dei diritti del popolo Saharawi.
«Dopo le risoluzioni ONU che condannano l’occupazione militare del Sahara Occidentale da parte del Marocco, il documento approvato oggi a Strasburgo è il maggiore successo ottenuto finora dalla causa dei Saharawi», prosegue Arlacchi, che è membro della Commissione Esteri del PE.
«Sono orgoglioso di avere fatto campagna per il successo odierno. I diritti dei Saharawi sono quelli di tutti noi. La posizione del PE influirà certamente sui negoziati in corso allo scopo di porre fine all’ultimo caso di oppressione coloniale in Africa», conclude l’eurodeputato.