Tempo di lettura: 2 minuti

"Una
La storia fantastica di quattro cadaveri che di risvegliano. Cosa hanno in comune un piccolo fallito rapinatore romano, un bancario logorroico falso Marxista, un mago siciliano da quattro soldi e una bella ragazza dal viso angelico?
Il palco del teatro Socrate di Castellana domani 23 marzo (ore 21) si trasforma in un obitorio per lo spettacolo “Una volta nella vita”, tratto dalla commedia di Gianni Clemente, per la regia di Felice Della Corte, con Marco Cavallaro, Lenni Lippi, Guido Goitre, Andrea Pirolli e Antonio Conte. In scena ci sono con quattro cadaveri sotto le lenzuola pronti per l’autopsia. All’improvviso tutti si svegliano e tutti vogliono scappare da quel posto convinti di non essere quello che sono. I morti litigano, fanno pace, provano una seduta spiritica, tentano di rubare una macchina, tentano di capire come sono finiti in quel posto ma soprattutto fanno ridere. Da un’ambientazione dal carattere macabro Felice Della Corte tira fuori una commedia brillante in cui si ride della morte e della vita. Ritmi serrati, battute dirompenti, alternati a momenti di vera poesia, faranno innamorare il pubblico.

Risate garantite grazie ai litigi e agli inseguimenti che avvengono sul palcoscenico, ai tentativi – miseramente falliti – di tornare in vita, alle battute del mago dal marcato accento siciliano – che dimostra una versatilità senza eguali quando sfodera, addirittura, doti da coiffeur – e all’ingenuità della donna del gruppo, la cui superficialità e distrazione costerà cara proprio ai suoi compagni-di-camera. A condire il tutto un paraverbale che appare studiato nei minimi dettagli e suoni onomatopeici che rendono ancor più facile una risata di fronte a un tema triste quale può essere quello della morte, nonché musiche e luci regolati con maestria. Tra le numerose battute divertenti si insinua la paura della morte e la speranza di rivivere, ma anche una rassegnata consapevolezza del non poter tornare indietro per evitare una fine così violenta e un pensiero di tristezza, malinconia e delusione quando i personaggi scoprono chi li ha uccisi.

INFO 338.9872145 – 080.496.51.07
Teatro Socrate di Castellana Grotte, via Brennero 25
Ingresso 15/18/22 euro