Tempo di lettura: 2 minuti

"yeti-lane"A soli 12 mesi dall’omonimo debutto, la band parigina Yeti Lane pubblica The Echo Show.
Rimasti in due dopo la partenza di Loïc Carron – cantante, tastierista e membro fondatore del gruppo – Ben Pleng e Charlie B. si gettano a capofitto nel nuovo progetto, comprendente una manciata di brani che spaziano dal psychedelic pop al krautrock, dallo shoegaze alla new wave.
The Echo Show dimostra originalità screziata da citazioni, assonanze musicali e una certa corrispondenza grafica con uno storico ritratto. A melodie da dream pop, che ricordano i primordi di Depeche Mode e Soft Cell, si congiunge decisa e autoritaria l’influenza primaria dei Kraftwerk, pionieri del minimalismo digitale. A loro si rifà anche la cover photo che rimanda alle linee grafiche prodotte per Trans-europe Express nel ‘77.
Gli scoppiettii “sintetici” di Analog Wheel introducono un brano che per quasi otto minuti cambia pelle diverse volte, pur seguendo lo stesso tempo regolare. Una struttura ricorrente che si amplifica in The Echo Song, con una improvvisazione chitarristica che sfuma il pezzo. La sei corde di Pleng gioca un ruolo determinante anche in Warning Sensation, la quale vira da una traiettoria che altrimenti la renderebbe molto simile alla Tainted Love rifatta dai Soft Cell. Curiosa la scelta di sezionare la tracklist con quattro brani privi di titolo di pochi secondi l’uno (solo la nona anonima traccia supera il minuto e mezzo): sembrano agire da spartiacque tra un capitolo e l’altro del disco.
Dai toni distensivi, Alba prevede inserti melodici che si traducono in accordi acustici, ben legati a synth rivelatori di quel mood arioso tanto in voga negli anni ’80.
Alla conclusiva Faded Spectrum il compito di disseminare tutta la capacità psichedelica del gruppo. Interessante esperimento catartico, il componimento libera i due musicisti dai vincoli della sala d’incisione per affrancare una bella dose di adrenalina, a vantaggio anche dell’ascoltatore. Tra feedback e distorsioni il pezzo è più elettrico che elettronico.
The Echo Show è un album dagli spunti pregevoli che tra le pieghe fotografa gli Yeti Lane nel periodo di transizione, verso una metamorfosi non ancora compiuta.