Tempo di lettura: 3 minuti

"Italia
La grande vela torna a Taranto. L´appuntamento è con l´Italia Cup 2012 Classe Laser, che dal 19 al 21 febbraio aprirà la stagione nazionale con la prima regata, che prevede circa 250 concorrenti impegnati nelle classi Standard, Radial e 4.7.

L´appuntamento, promosso da Federverla e Assolaser nazionali, è organizzato in loco dal Comitato dei circoli velici tarantini (Circolo Vela Taranto, Sezione Velica Marina Militare, Centro Velico Alto Jonio, Sporting Club Marina di Pulsano, Lega Navale Taranto e Lega Navale Matera-Castellaneta), con la collaborazione di Assonautica Taranto. Patrocinio morale di Regione Puglia, Comune di Taranto, Provincia di Taranto, Camera di Commercio di Taranto, Autorità Portuale di Taranto e Marina Militare di Taranto.

L´evento, avrà come base logistica il Molo Sant´Eligio e come stadio del vento il Mar Grande che, nel novembre scorso aveva ospitato l´Italia Cup-Coppa dei Campioni, l´appendice della Classe Laser nazionale. "La buona organizzazione tarantina di quell´appuntamento – sottolinea il Comandante Bartolomeo Maugeri, presidente del Comitato organizzatore – ha spinto l´Assolaser nazionale, a partire dal segretario esecutivo Macrino Macrì, a premiarci, rinnovando la fiducia, che dal 19 al 21 novembre si tramuterà nella nuova Italia Cup Classe Laser, che vedrà il picco dei partecipanti, essendo la prima regata nazionale".

I numeri della manifestazione sono importanti: ai 250 regatanti previsti vanno sommati tecnici, accompagnatori e giudici. "Stimiamo circa 500 persone – svela Maugeri – che andranno ad occupare dieci strutture alberghiere del comprensorio tarantino. Questo numero ha un valore sotto il profilo del turismo, in termini di marketing e pubblicità, visto che Taranto in quei tre giorni sarà la capitale della vela italiana. Prezioso, infatti, l´impatto ambientale che la regata offrirà a tutti i suoi fruitori".

Ad oggi gli iscritti all´Italia Cup di Taranto, che apre un agenda di quattro regate nazionali (Bibione, Ischia e Santa Marinella le altre tappe), sono 181. Ma il numero, sino alla vigilia dell´evento è destinato a salire. Ci sono infatti altri dieci giorni a disposizione per ufficializzare la propria partecipazione. Certi la presenza di una schiera di campioni. "Taranto – commenta con soddisfazione Maugeri – avrà l´onore di avere gli unici atleti italiani della Laser che andranno alle Olimpiadi di Londra 2012". Il riferimento è al civitanovese Michele Regolo, 33 anni, classe Standard per la Sezione Velica Guardia di Finanza. Triestina, 24 anni, classe Radial, invece, Francesca Clapcich, tesserata per la Sezione Velica Aeronautica Militare. Tra gli Standard regaterà anche un atleta destinato a partecipare ai Giochi di Rio 2016, ovvero lo Standard Giovanni Coccoluto del Circolo Vela Muggia. Nei Radial, torna a Taranto come detentore dell´Italia Cup, Maximilian Kuester, del Circolo Vella Bellano.

Taranto non è solo l´organizzatore dell´Italia Cup 2012, perché il movimento jonico è cresciuto in questo decennio a livello agonistico. E l´evento di febbraio può dirlo, vista la presenza del pluricampione Andrea Airò, che torna a mettersi in discussione sull´acqua dopo un periodo sabbatico. L´atleta si è iscritto col Circolo della Vela Bari nella classe Standard, numero di vela Ita 178407. Nella stessa sezione delle monotipo ci sarà del delegato jonico dell´Assolaser Giovanni Annicchiarico: Ita 200474 per lo Sporting Club Pulsano. I colori del Centro Velico Alto Jonio saranno difesi dal bravo Fabrizio Pisanelli (Ita 179063), che nell´Italia Cup 2011 è stato il primo tarantino, primeggiando nell´Over 35. Uno dei talenti, Made in Jonio, è Marcello Strazzeri, classe Radial (Ita 199673) per la Sezione Velica Marina Militare.

Nella foto di Andrea Pisapia la passata edizione del 2011