Tempo di lettura: 3 minuti

"LorinL’arte unisce ciò che l’umanità divide”, con queste parole il Maestro Lorin Maazel conclude la conferenza stampa di presentazione  dell’Opera di Georges Bizet:  “Carmen”, tenutasi nella mattinata di ieri presso il foyer del teatro Petruzzelli di Bari. Lo spettacolo apre il cartellone 2012 d’Opera e di Balletto del teatro ed è una nuova coproduzione della Fondazione Petruzzelli con il Festival di Castleton (Virginia).
Già al teatro Petruzzelli come direttore e violinista, con la Primavera di Vivaldi, come lo stesso Maazel ha ricordato, il Maestro si dice felice del ritorno e ancor di più della ristrutturazione e riapertura del grande teatro dopo “l’incendio che fece orrore a tutti gli artisti”, citando le sue parole, ed in più ringrazia il sindaco  Michele Emilliano “sia per il suo sostegno morale sia per ciò che ha fatto e sta facendo per la città di Bari, opere da me notate ed apprezzate”.

A sorprendere spettatori provenienti un po’ da tutte le zone d’Italia ed anche dall’estero, a detta del sovrintendente Vaccari, sarà anche il nuovo allestimento. Completamente ripensato dal regista William Kerley, con l’ausilio del costumista e scenografo Tom Roger e del coreografo Domenico Iannone. Kerley viene dal teatro ed in particolare  da quello shakespeariano, come ha spigato Maazel, e proprio queste caratteristiche sono rintracciabili nella sua Carmen. “Parlando del mio lavoro – ha spiegato Kerley – ci tengo a raccontare quali motivi mi hanno portato a determinate scelte. La bellezza di quest’opera è che può essere allestita facilmente in periodi differenti da quello che è il suo allestimento originario poiché i temi trattati sono di carattere universale. La cosa più difficile invece è far conciliare la parte musicale con quella teatrale. E’ un’Opera musicale straordinaria ed io sono molto felice di aver potuto lavorare ad una sua rappresentazione. Io ed il mio scenografo abbiamo scelto un periodo storico abbastanza particolare ovvero il post guerra civile spagnola, gli anni ‘38/’39 del novecento. Questo perché solitamente a fine di una guerra le emozioni e i sentimenti sono molto più accentuati che in altre circostanze, soprattutto in ambito familiare. Abbiamo cercato di cogliere gli aspetti emotivi realmente verificatisi in quegli anni collocando su questo sfondo la storia dei due personaggi in primo piano”. Per chi ancora avesse delle titubanze a solleticare la curiosità si aggiunge sicuramente il fatto che i dialoghi di questa Carmen non saranno cantati ma parlati, e che quindi nelle peggiore delle ipotesi non avrete perso un sacco di tempo.

"Lorin
Il cast come promesso dal sovrintendente G.Vaccari è “giovane ed internazionale” infatti dalla protagonista al costumista si attraversa un po’ tutto il pianeta. Nei panni di Carmen vedremo la russa Ekaterina Metlova, in Don Josè  l’americano Richard Troxell, in Micaëla la canadese Sasha Djihanian , Escamillo dallo statunitense Corey Crider e Zuñiga dall’italiano Gianluca Breda. A completare il cast ci saranno Laura Macrì ( 20,22, 25 gennaio) e Marta Calcaterra (28,30 gennaio) in Frasquita, Antonella Colaianni in Mercedes, Gianluca Floris in Il Remandado, Alessandro Battiato in Il Dancario, Michael Anthony Mcgee in Moralès, Olga Podgornaya in La venditrice di arance e Aldo Orlando in Uno zingaro.

La presenza del direttore Lorin Maazel sul podio del teatro barese è senz’altro un buon colpo messo a segno dagli organizzatori della Fondazione che come lo stesso sindaco Emiliano ha ricordato “Nonostante io sia il presidente di tale Fondazione il fatto che un così grande direttore d’orchestra sia qui è il frutto del lavoro di tutti i collaboratori del Petruzzelli”.  Il sindaco ha inolte agginunto che una società che investe nella cultura è una società che può progredire e viceversa i tagli alla stessa non possono fare altro che impoverirla. Ed infatti a confermare questa teoria il Maestro Maazel ricorda che il Festival di Castleton festeggerà quest’anno la sua quarta edizione, alla quale parteciperà anche l’orchestra del teatro Petruzzelli con la Carmen, Il Barbiere di Siviglia e la Bohème, ma che alla sua nascita nell’estate del 2009 l’economia mondiale era travolta dalla crisi ed era solo l’inizio.

Inoltre in occasione di Carmen la Fondazione Petruzzelli propone due incontri dedicati al pubblico:
Martedì 17 gennaio alle ore 17.30 nel foyer principale del teatro Petruzzelli il Prof. Michele Girardi ed il sovrintendente Vaccari terranno un incontro musicologico dedicato alla Carmen. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.
Domenica 22 gennaio alle 11.00 presso la libreria Feltrinelli di Bari il sovrintendente Vaccari terrà una guida all’ascolto dedicata alla Carmen. Ingresso libero.

"LorinSpettacoli
Teatro Petruzzelli di Bari.
Prima
20 gennaio ore 20.30 (evento speciale fuori abbonamento)
Repliche
22 gennaio ore 20.30
25 gennaio ore 20.30
28 gennaio ore 18.00
30 gennaio ore 20.30 (fuori abbonamento)
Informazioni: Infopoint Fondazione Petruzzelli, tel 080 975 28 40

Foto di Carlo Cofano