Tempo di lettura: 3 minuti

"novitàIl ritorno in Italia, dopo dieci anni di assenza, di Patricia Cornwell. Un inedito di Roberto Bolano e la storia d’amore da cui è nata la Millennium Trilogy di Stieg Larsson, scritta dalla sua compagna di vita Eva Gabrielsson. Big della narrativa straniera e bestseller aprono il 2012. Fra i grandi nomi spiccano Philip Roth, Arundhati Roy e Jeanette Winterson. E, dopo il successo del film, arriva anche il libro+dvd Pina (Feltrinelli) di Wim Wenders dedicato ai 35 anni di carriera di Pina Bausch.

Della Cornwell, di cui Mondadori annuncia l’arrivo nel nostro Paese, esce a gennaio Nebbia Rossa, una nuova indagine di Kay Scarpetta determinata a far parlare una detenuta colpevole di reati sessuali e madre di un diabolico killer. Bolano fino a poco prima della morte, nel 2003, ha continuato a lavorare a I dispiaceri del vero poliziotto che Adelphi pubblica rispettando i criteri stabiliti dallo stesso autore. Per Adelphi nei primi mesi del 2012 arrivano anche la piece Gli studenti di storia di Alan Bennett, per la prima volta in volume, cui sarà dedicata una tournee teatrale di Elio De Capitani con The History Boys e, dopo Ravel e Correre, Lampi, la terza biografia di Jean Echenoz dedicata a Nikola Tesla, una delle figure più misteriose e romanzesche della scienza del Novecento, che qui si nasconde dietro il nome fittizio di Gregor.

Per la prima volta Eva Gabrielsson, la compagna di Stieg Larsson, privata dell’eredità del suo compagno poichè non era spostata con lo scrittore, mostra in Stieg e io (Marsilio) nuove chiavi di lettura per comprendere la genesi di Millennium di cui da tempo si batte per ottenere i diritti morali.

Attesi il memoir intimo e a tratti comico Perchè essere felice quando puoi essere normale? (Mondadori) in cui l’inglese Janette Winterson mette a nudo i suoi affetti e, bambina adottata, ripercorre l’incredibile viaggio alla ricerca della madre naturale, e la favola ipnotica e inquietante La ragazza tatuata (Bompiani) di Carol Joyce Oates. Si aspettano anche il nuovo romanzo di Clara Sanchez della quale Garzanti pubblica, dopo il successo del ‘Profumo delle foglie di limonè, La voce invisibile del vento, ambientato in Spagna, e Uccidere il padre, il nuovo romanzo di Amelie Nothomb, autrice bestseller di Voland.

Torna, in una nuova traduzione di Vincenzo Mantovani, Addio, Columbus (Einaudi) di Philip Roth che gli è valso la fama di «ebreo che odia gli ebrei» per il ritratto che fa di una certa borghesia ebraica. Di Anne Holt esce per Einaudi Stile Libero il thriller psicologico con la detective Hanne Wilhelmsen ‘Nella tana del lupò in cui l’omicidio del primo ministro norvegese mette a dura prova tutta la centrale di polizia di Oslo.

Da un’idea nata sul web, il grande caso editoriale della Macchina della Morte (Guanda), a cura dei tre giovani scrittori americani Ryan North, Matthew Bennardo e David Malki, che è già un fenomeno del passaparola anche in Italia. Gli autori hanno selezionato i 30 racconti più creativi e originali fra i 700 arrivati al loro blog su un «mondo in cui le persone sanno di che morte morire». Dell’autrice di ‘Il dio delle piccole cosè, Arundhati Roy, arriva ‘Lo stato in pezzì (Guanda), tre saggi politici sull’India semisconosciuta della rivolta maoista.

Dopo il successo di Tua torna l’argentina Claudia Pinero con Betibù (Feltrinelli), una nuova eroina che assomiglia a Betty Boop. Nuove avventure anche per la Miss Marple africana Precious Ramotswe che indaga su presunti tradimenti all’interno di una coppia di cari amici in Utili consigli per il buon investigatore (Guanda) di Alexander McCall Smith. Coraggio e speranza nella storia d’amore Il respiro leggero dell’alba (Rizzoli) di Rachel Simon. Ed è una storia d’amore che supera ostacoli e il passare del tempo ‘Il meglio di mè (Frassinelli), il nuovo romanzo di Nicholas Sparks che diventerà un film della Warner. In arrivo anche l’autobiografia senza frontiere Figlio di nessuno (Rizzoli) di Boris Pahor con la giornalista Cristina Battocletti. Forte delle 500 mila copie vendute in Germania esce il romanzo di un padre malato e del suo rapporto con il figlio raccontati da Arno Geiger ne Il vecchio re nel suo esilio (Bompiani).