Tempo di lettura: 2 minuti

"time-o-clock"Segnaliamo ai lettori di LSD Magazine un’interessante mostra nella quale si esaltano contemporaneamente sia il tempo che il design.
La mostra inizia con una doppia possibilità di scelta per il visitatore: un’entrata normale o un ingresso di tipi preferenziale ( detto fast track).
Lasciamo alla vostra fantasia immaginare cosa accade. L’alternativa, però, è togliersi la curiosità andando direttamente a Milano a visitare la mostra stessa.
All’interno della location il percorso si articola in tre sezioni:
 uno spazio oscuro illuminato, di volta in volta, da luci artificiali nel quale pareti e pavimento diventano un tutt’uno. All’interno gli oggetti di design fluttuano nell’aria attraverso griglie di metallo sospese.
Uno spazio luminosissimo, che cambia in base ai vari movimenti della giornata e che ha come oggetto il "viaggiare nel tempo". Uno spazio nel quale sono stati allestiti tanti piccoli set teatrali, nei quali si assiste alle varie rappresentazioni del tempo. Gli oggetti sembrano dialogare fra di loro e possono essere visti solo se si superano gli oggetti stessi…una sorta di "limbo artificiale".

Ad ospitare la mostra fino all’8 gennaio 2012 è la Triennale Design Museum di Milano.
Gli allestimenti dell’evento sono rari e particolari: oggetti di design, installazioni ed immagini proiettate in una sorta di video arte a ciclo continuo.
Tra i curatori della mostra segnaliamo la spagnola Patricia Urquiola, architetto e designer di gran moda, richiestissima in ogni angolo del mondo.
La spagnola ha dato vita ad una speciale installazione sponsorizzata interamente dalle Officine Panerai.
E proprio lo sponsor Panerai presenta in anteprima mondiale gli orologi disegnati da un altro grande dell’arte contemporanea: Damien Hirst (per intenderci quello che ha creato il teschio tempestato di diamanti).
"Beautiful Sunflower Panerai Painting", collezione senza tempo, veri e propri oggetti "cult" per intenditori ed amanti delle cose rare.
Una mostra da visitare assolutamente e che consigliamo per chi dovesse trovarsi dalle parti di Milano.