Tempo di lettura: 2 minuti

"Italia
Dopo 24 anni, ‘Italia wave love festival’, la manifestazione musicale organizzata da Arezzo Wave lascia la Toscana e arriva in Puglia, a Lecce, dal 14 al 17 luglio. Con questa manifestazione musicale, tra le italiane la più conosciuta in Europa – sottolineano gli organizzatori con una nota – "il Salento proporrà non solo pizzica, ma anche reggae, pop e grande rock". ‘Italia wave love festival’ – si propone di monitorare la creatività giovanile del territorio e promuovere le realtà musicali emergenti.

Per questa 25/a edizione, sono previste quattro giornate dense di appuntamenti, eventi, concerti, mostre, installazioni e workshop dalle 10 del mattino fino a notte fonda. I gruppi emergenti saranno sostenuti nel loro debutto da alcuni grandi che si esibiranno solo per questa occasione: tra gli altri, Paolo Nutini e Kaiser Chiefs, Giovanni Lindo Ferretti che presenterà A cuor Contento, e per la prima volta nel nostro paese, i marocchini Oudaden e la cantante tunisina Emel Mathlouthi, i francesi ‘The Serge Gainsburg Experience e dal Brasile i Vivendo do acio. Sul Main Stage allestito nello stadio di Lecce si alterneranno inoltre Lou Reed & band nel nuovo spettacolo Sweet Tooth, Jimmy Cliff, gli inglesi Joy Formidable, Verdena, Bud Spencer Blues Explosion, Sud Sound System, Zina e tutti insieme per al serata finale il 17 luglio: Daniele Silvestri, Mau Mau, Modena City Ramblers, Cristina Donà, Petra Magoni & Ferruccio Spinetti, Fausto Mesolella, Marta sui Tubi e Paolo Benvegnù.

Ha usato la parola sfida nel presentare l’evento il suo organizzatore Mauro Valenti perchè – ha aggiunto – "’Italia Wave Love Festival’ è un progetto e non solo una serie di concerti infilati uno dietro l’altro. Abbiamo puntato a Sud perchè riteniamo che questa terra possa rappresentare il contenitore ideale per la cultura di qualità, fucina di esperienze innovative e di sperimentazione. Noi siamo orgogliosi di avere investito a Sud e spero che i salentini si sentano orgogliosi di ospitarci".

Nella foto di Eleonora Gagliano Candela un momento della conferenza stampa a Lecce