Tempo di lettura: 2 minuti

"BrandZ"
Apple batte Google e diventa il marchio che vale di più al mondo secondo la classifica BrandZ 100 di Millward Brown. Il marchio della mela ha superato i 153 miliardi di dollari di valore mentre Google, che per quattro anni ha dominato la classifica, è sceso al secondo posto con un brand value stimato in 111,5 miliardi di dollari.

A mettere le ali al marchio di Cupertino è stato il successo dell’iPad e dell’iPhone che ha permesso di superare il famoso motore di ricerca. Il valore del marchio Apple è aumentato di 137 miliardi di dollari, l’859%, dal 2006 quando la ricerca BrandZ è stata lanciata. La capitalizzazione di mercato di Apple è di 319,4 miliardi di dollari, cinque volte più alta del 2006. Mentre la capitalizzazione di borsa di Google è di 172,4 miliardi di dollari. Fra i 10 principali brand della classifica, che copre tutti i segmenti dall’auto al lusso, dalle banche alle telecomunicazioni, sei sono di aziende tecnologiche e di comunicazione: dopo Google al terzo posto si è classificato IBM con 100,85 miliardi di dollari di brand value, Microsoft è al quinto posto (78,24 miliardi), AT&T al sesto (69,916 miliardi) mentre China Mobile è al nono (57,326 miliardi). McDonald’s, colosso del fast food, si è piazzato al quarto posto con un brand value di 81 miliardi di dollari mentre Coca-Cola è sceso al sesto con 73,75 miliardi, scivola anche Marlboro all’ottavo posto (67,522 miliardi) e General Electric (50,318 miliardi) si è piazzato al decimo. L’indice BrandZ è stilato sulla base di diversi fattori, fra questi una stima sugli effetti del marchio sul fatturato, la valutazione di asset immateriali, il calcolo dell’influenza sui consumatori e una stima del potenziale di crescita. Secondo Peter Walshe, global BrandZ director, il successo del marchio Apple si riflette sul desiderio che i suoi prodotti determinano nei consumatori e sul fatto che vengano visti dalle aziende come prodotti pratici ed economicamente vantaggiosi. Sempre secondo Walshe il brand della mela è riuscito ad assomigliare ai marchi del lusso: facendo diventare i suoi prodotti più costosi ha incrementato la loro desiderabilità. Fra i 100 marchi della classifica BrandZ appaiono solo due marchi italiani: Telecom Italia, che debutta nella lista fissandosi al settantacinquesimo posto con un brand value di 11,609 miliardi di dollari, e Tim che guadagna 5 posizioni e si piazza al novantacinquesimo posto con un brand value di 8,838 miliardi di dollari.